Il solito Giroud e un nuovo Rebic. Il mercato (forse) decolla

17.07.2022 00:00 di Andrea Longoni Twitter:    vedi letture
Il solito Giroud e un nuovo Rebic. Il mercato (forse) decolla
MilanNews.it

Non bisogna esaltarsi per il calcio estivo, ma questo oggi abbiamo a disposizione e più di qualche elemento positivo la partita vinta ieri col Colonia ce lo ha fornito. Giroud ha ripreso da dove aveva lasciato, da 9 vero, indiscutibile, forte, prezioso.
Chi invece sembra diverso è Rebic. La sensazione è che il 3 luglio a Milanello si sia presentato un altro giocatore rispetto alla versione deludente (e indolente) della scorsa stagione. Ante viene segnalato con grande voglia di rifarsi. Se così fosse, mister Pioli recupererebbe un giocatore in grado di fare la differenza, come alternativa a Leao sulla fascia sinistra ma anche come numero 9 in alternanza a Giroud e Origi. Il croato può diventare una delle armi in più in una stagione, come la prossima, con grande concentrazione di partite, soprattutto nella prima parte da agosto a novembre.
In mezzo al campo anche in amichevole Bakayoko sembra inadeguato, a differenza del più brillante Pobega, che comunque dovrà apprendere meglio la nuova posizione. Più avanti Adli mostra colpi interessanti e, come si dice, promette bene.
Il Colonia si è reso pericoloso prevalentemente sulle palle inattive (gol compreso): questo resta un limite della squadra di Pioli, su cui riflettere e lavorare anche in sede di calciomercato.

Un'altra settimana sta finendo senza colpi. La speranza, oltre che la sensazione, è che la prossima sarà molto importante. Innanzitutto per De Ketelaere, che oggi giocherà forse la sua ultima partita col Bruges nella Supercoppa belga.
Domani dovrebbe essere finalmente il giorno dell'offerta finale che il Milan conta possa essere accettata. Il suo arrivo sarebbe davvero importante, visto che andrebbe a ricoprire un ruolo cruciale nello schema di Pioli, portando tantissima qualità.

Nei prossimi giorni ci sarà anche un nuovo summit col Tottenham per cercare di strappare il prestito di Tanganga, difensore inglese. Il 23enne, alto 1,84, a mio giudizio è simile per caratteristiche a Tomori: forse servirebbe maggiormente un giocatore insuperabile sulle palle alte, come poteva essere appunto Botman. Ma sul tema non resta che fidarsi della squadra mercato, soprattutto di un grande specialista come Paolo Maldini, che di difesa qualcosina sa.

Resta poi da sciogliere il nodo sostituto di Kessie: passo cruciale di questa campagna acquisti.

L'attesa per tanti è diventata snervante: caro Milan, se ci sei batti un colpo!