TMW - Milan, la Cina si allontana. Rapporti tesi con Galliani

08.06.2016 13:28 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Andrea Losapio per Tuttomercatoweb.com
TMW - Milan, la Cina si allontana. Rapporti tesi con Galliani
MilanNews.it
© foto di Pietro Mazzara

Le ultime notizie che arrivano dal Milan non sono certamente rincuoranti per i tifosi rossoneri. Il gruppo cinese, rappresentato da Sal Galatioto, pare non rispettare tutte le condizioni richieste da Silvio Berlusconi.

L'ACCORDO - Dopo avere ricevuto i 20 milioni della trattativa in esclusiva, il presidente aveva trovato il punto d'incontro con i cinesi. 550 milioni di euro oltre i debiti per l'acquisto, ma non era l'unica condizione da soddisfare. Perché doveva esserci un investimento per il nuovo stadio, intitolato alla famiglia: difficile da capire se Luigi o Silvio, ma il mantenimento del trofeo dedicato al padre farebbe pensare allo stadio Silvio Berlusconi. In ogni caso c'è già la possibilità - e i permessi - per costruirlo in un'area di Sesto San Giovanni, dopo che al Portello l'idea era naufragata. E poi, oltre, c'è la pecunia per il calciomercato: Berlusconi voleva 400 milioni di euro per vincere subito, perché sarebbe rimasto presidente onorario ma con tempo limitato. Quindi in tre anni, per essere competitivi anche ai massimi livelli, servivano investimenti onerosi. Ovviamente i debiti sarebbero stati ripianati a parte.

LE CIFRE - Quindi, facendo due calcoli, l'investimento dei cinesi andava ben sopra il miliardo di euro. Circa 800 per l'acquisto e il ripianamento, 400 per costruire la squadra: insomma, un po' troppo per non avere il comando. Anche perché pare che un'altra condizione fosse quella di mantenere in società Adriano Galliani con compiti operativi. E questo potrebbe essere un altro punto di discordia, perché i rapporti con Barbara Berlusconi sono sempre intorno allo zero assoluto - raggiunto già qualche anno fa, soprattutto dopo la questione Pato.

FIGLI E FIGLIASTRI - Anche quello di Barbara è un punto focale. Perché se è vero che il Milan è sempre stato di Silvio Berlusconi, non si può dire altrettanto delle varie attività di famiglia. Mediaset a Piersilvio, Mondadori a Marina. Così Barbara rivendica anche la voce in capitolo sulla cessione societaria. Giustamente, per mantenere un equilibrio nei rapporti con la prole, anche il presidente ha deciso di ascoltare. E poi il malore dell'altro giorno non sembra qualcosa di leggero come fatto filtrare dagli ambienti della politica. 

LA SCADENZA - Il dieci giugno la trattativa in esclusiva non sarà più in essere. Dunque potranno essere ascoltate offerte altrui. Gli interessamenti pare ci siano già stati, anche da altri paesi del sudest asiatico - in particolare l'Indonesia - ma nessuna offerta per non rompere vincoli. Dunque tirare così la corda, nonostante la buona proposta, fa pensare a un'alternativa reale e valida.