Il commovente addio di Adli al Bordeaux: "Grazie per avermi fatto crescere come giocatore e uomo"

27.06.2022 18:07 di Francesco Finulli   vedi letture
Il commovente addio di Adli al Bordeaux: "Grazie per avermi fatto crescere come giocatore e uomo"
MilanNews.it

Yacine Adli, centrocampista francese, è pronto a sbarcare a Milanello. Dopo essere stato acquistato l'estate scorsa dal Bordeaux, la società rossonera ha lasciato Adli un anno in prestito al club in cui è cresciuto. La stagione è finita con la retrocessione prima e con il fallimento poi. Adli è pronto a cambiare pagina e a stupire anche in rossonero ma prima ha voluto salutare il Bordeaux con una lunga lettera su Instagram. Ecco il testo integrale.

"Prima di aprire una nuova pagina, vorrei ringraziare il Bourdeaux.

Grazie a questa istituzione per avermi dato l'opportunità di crescere come giocatore ma soprattutto come uomo.

Abbiamo vissuto tutti insieme molti momenti difficili e continuiamo a viverli, ma contro ogni previsione abbiamo sempre sempre sentito l'amore e la dedizione della gente di Bordeaux per portare il club al posto che gli spetta.

Purtroppo noi giocatori abbiamo fallito, possiamo trovare molte cause per questo, ma la realtà è che abbiamo fallito insieme.

Indipendentemente da ciò che si dice o si pensa, questo club mi ha sempre entusiasmato perché lo amo e continuerò ad amarlo per tutta la vita.

Non mi vergogno di dire che questo club, almeno alcune delle persone che ne fanno parte, mi hanno fatto sentire depresso, ma molte mi hanno dato molta tanto amore.

Per questo desidero ringraziare: Ange, Manet, Nathalie, Thierry, DD, Jacques, Fabien, Titi Delmeule, Hervé, Julien, Alexis, Margaux, Axelle, Bruno, David, Eric, Alex, Jesami, Neug, Paul. Sicuramente ne sto dimenticando qualcuno e mi dispiace ma queste sono le persone che dietro le quinte si sacrificano per noi e ci danno tutto il loro amore, quindi vi ringrazio per questo. Siete l'anima di questo club, il vostro club, quello a cui date la vita.

Vorrei anche ringraziare tutti coloro che mi hanno dato fiducia affinché potessi esibirmi sul campo".

Per questo, grazie a Paulo Sousa e al suo staff che mi hanno permesso di esordire in Ligue 1, grazie a JL Gasset e al suo staff che sono, loro, il motore della mia crescita e grazie a Vladimir Petkovic e al suo staff per aver fatto in modo che diventassi un giocatore esperto (e che potessi fare 8 assist - il totale più alto per me finora).

È impossibile fare questo messaggio senza inviare il mio più grande pensiero ai fan.

I nostri sostenitori che ci hanno dato tutto, sempre e ovunque. Nonostante tutti i momenti difficili avete dimostrato amore per il vostro club perché più che mai avete dimostrato che senza di voi la vita del club non è la stessa o peggio, è impossibile.

Avrei voluto tanto ricambiare l'amore che mi hai dato, ma purtroppo non ci sono riuscito, o almeno a tratti.

Infine, al ritorno dalle vacanze ho saputo che Jean Michel era morto.

Vorrei esprimere le mie più sentite condoglianze alla sua famiglia.

Jean Mi era una persona devota al suo club, mi raccontava spesso dei suoi viaggi burrascosi e persino pericolosi, della sua intesa con i nostri sostenitori, dell'atmosfera che si respirava a Lescure e anche delle sue gioie durante questi numerosi titoli.

Per tutti questi momenti di condivisione ti ringrazio mio Jean Mi, Pace alla tua anima.

Per sempre,

GRAZIE

Yacine Adli"