La Giovane Italia - Stanga, a Milanello coi grandi per coronare un sogno

28.05.2020 17:00 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
Fonte: La Giovane Italia
La Giovane Italia - Stanga, a Milanello coi grandi per coronare un sogno

Nelle ultime stagioni, il Milan ci ha abituato a promuovere in prima squadra molti giovani cresciuti nel proprio settore giovanile. E per i rossoneri non sta facendo eccezione questo periodo di ripresa degli allenamenti collettivi, che a Milanello sta vedendo lavorare agli ordini di mister Pioli alcuni dei prospetti più interessanti della Primavera, capace di dominare il campionato Primavera 2 conquistando un immediato ritorno nella massima categoria giovanile.

Vita in rossonero - Tra i ragazzi che sudano coi grandi c’è anche Luca Stanga, difensore classe 2002, che sta vivendo l’annata della consacrazione a livello giovanile. La sua storia in rossonero è cominciata in tenera età, quando si è trasferito al Vismara a soli sei anni dopo gli inizi nella Polisportiva Cr 81 2000 di Credera, in provincia di Cremona. I problemi fisici della scorsa stagione non gli hanno impedito di raggiungere i quarti di finale Under 17, prima di arrendersi alla Roma vicecampione d’Italia. Lasciati alle spalle gli acciacchi, Stanga ha spiccato il volo nel 2019/20: tre presenze con l’Under 18 per scaldare i motori, per poi imporsi da protagonista alle prime esperienze in Primavera, diventando uno dei punti fermi della squadra di mister Giunti, autentica dominatrice del Girone A del campionato Primavera 2.

Sogno che si avvera - Stanga è un difensore centrale moderno, dotato di ottimi fondamentali sia in marcatura che a livello tecnico. Prima fonte di gioco per la squadra, che si affida al suo destro educato per avviare l’azione dalle retrovie, il classe 2002 si mette in evidenza anche grazie alla lettura delle traiettorie e al tempismo nell’anticipo, caratteristiche che gli permettono di far sentire la sua presenza anche nel gioco aereo. La velocità sul lungo gli consente di essere efficace anche in situazioni di palla scoperta, completando così un profilo da difensore già scafato in relazione alla giovane età. Merito di una intelligenza (calcistica ma non solo, visto il buon percorso scolastico) e di una voglia di migliorarsi superiori alla media dei coetanei, oltre a doti di leadership che gli vengono riconosciute in virtù della personalità con la quale si muove in campo. Per compiere un ulteriore salto di qualità dovrà aumentare le sue capacità di comunicazione e di guida vocale del reparto arretrato. Uno step per il quale l’esperienza con la prima squadra si rivelerà senz’altro preziosa: un primo sogno che si avvera, per pensare in grande verso il futuro.

Scopri le schede dei talenti rossoneri sull’Almanacco 2020 

Scopri i rossoneri presenti nelle classifiche dei 16 Ranking LGI