Maldera su Inter-Milan: "Nelle due giocate che portano al gol troviamo verticalità ed ampiezza"

20.10.2020 21:36 di Manuel Del Vecchio Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Maldera su Inter-Milan: "Nelle due giocate che portano al gol troviamo verticalità ed ampiezza"

Andrea Maldera, match analyst della nazionale ucraina e con un passato in rossonero, è intervenuto a Milan TV nel programma "Box to Box" per analizzare la vittoria del Milan nel derby di sabato scorso: "Nelle due giocate che portano ai gol del Milan troviamo verticalità ed ampiezza. Il Milan è stato bravissimo a sfruttare le situazioni per avere il tempo della giocata. Il Milan è una squadra verticale, non fa del palleggio l’azione migliore per costruire azioni da gol, ma lo fa attaccando lo spazio in profondità. Ha giocatori in avanti che per caratteristiche, ad esempio Ibra, riescono a tenere palla in avanti o ad essere molto veloci come Theo e come Leao, e quindi sfrutta quelle che sono le sue qualità. Ha un baricentro non altissimo il Milan perché è difficile arrivare con tanti giocatori su un’azione così veloce come quella del secondo gol. Infatti difficilmente vediamo Bennacer o Kessie dentro l’area di rigore, perché non riescono a coprire così tanto campo. Pioli è stato bravissimo a far rendere i giocatori in base alle loro caratteristiche. Quindi passaggi il più possibile in verticale sfruttando appunto i giocatori. Ottima la scelta di Leao dall’inizio, mi è piaciuto molto il coraggio di Pioli in fase di non possesso perché ha rischiato fra virgolette di far giocare Leao, un giocatore più offensivo e meno ordinato. L’idea della fase offensiva del Milan è “riconquisto e guardo avanti”, non “riconquisto e gestisco”. Questa cosa per tutta la partita è stata un’arma molto importante”.