Milan, Giampaolo carica Piatek e tiene tutti sulla corda

15.09.2019 08:15 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Milan, Giampaolo carica Piatek e tiene tutti sulla corda

C’è un momento per le critiche e uno per gli elogi. Marco Giampaolo dopo aver sottolineato nelle scorse settimane che Kris Piatek avrebbe dovuto variare le giocate, ieri in conferenza ha spostato l’attenzione sull’approccio differente che ha avuto il polacco durante gli allenamenti che porteranno il Milan a giocare stasera al Bentegodi di Verona. "Mi è piaciuto in questi tre giorni”, ha detto il tecnico abruzzese. “Piatek non deve essere un calciatore che pensa solo ad attaccare gli ultimi venti metri della porta e giocare un calcio piratesco, deve essere un giocatore completo. Mi è piaciuto molto in questa settimana, ha fatto le cose in maniera diversa. Avevo motivato la scelta di André Silva per quel tipo di caratteristiche, non è detto che Piatek non le possa fare. Al Milan non si può giocare sempre palla lunga in profondità, al Milan bisogna anche palleggiare. Lo sa fare, gliel'ho visto fare in allenamento, deve uscire fuori pure durante la partita. E' un giocatore completo e deve giocare da giocatore completo. Il gol non deve essere un'ossessione, lui deve pensare a giocare bene, il gol poi viene di conseguenza”. Insomma è giunta l’ora che l’ex attaccante del Genoa si sblocchi, per spazzare via le critiche piovute durante la sosta, ma il polacco è tornato dalla nazionale con uno spirito diverso, con l’intenzione di adeguarsi a ciò che gli chiede l’allenatore.

Giampaolo con l’esclusione dal primo minuto contro il Brescia non ha voluto stimolare solo Piatek, ma lanciare un messaggio a tutti i ragazzi della rosa. Le scelte saranno effettuate in base al lavoro quotidiano e non in virtù di altri parametri: “Devo essere credibile nei confronti di tutti. Il mio riferimento è la squadra, è come lavorano i giocatori, la loro crescita. A far la differenza è stata la maturità, la dedizione, le mie scelte sono orientate alla crescita della squadra. Porterò avanti questo tipo di discorso valutando i giocatori in settimana. Non guardo alla carta di identità, all'ingaggio, a quanto è costato, altrimenti perderei di credibilità". Così stasera c’è un forte ballottaggio tra Biglia e Bennacer in cabina di regia, mentre Paquetà potrebbe sostituire Castillejo alle spalle di Piatek. Confermato Suso nella sua solita posizione a destra, mentre a centrocampo dovrebbero partire dal principio sia Kessie che Calhanoglu. Difesa confermatissima con Calabria, Romagnoli, Musacchio, Rodriguez e naturalmente Donnarumma in porta.