Sconcerti su Donnarumma: "Gigio: poco passato, un grande futuro"

30.03.2020 21:45 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
Sconcerti su Donnarumma: "Gigio: poco passato, un grande futuro"

Sulle colonne del Corriere della Sera, Mario Sconcerti ha parlato così di Gigio Donnarumma: "Prendere Donnarumma significa risolvere il problema del portiere ad alto livello per quasi vent’anni. Non pensarci più. Per questo lo vorranno in molti, lo vogliono già. E il Milan non ha più stoppino nella candela. Il paradosso di Donnarumma è che non ha storia. Non trovi niente alle sue spalle, troppo giovane. Una sola Coppa, con Montella, quando il Milan battè la Juve ai rigori e lui parò quello di Dybala. Un solo strano record: è stato il giocatore più giovane ad aver disputato il derby. Ha debuttato in Nazionale il primo settembre del 2016 a 17 anni e mezzo. Subentrò a Buffon contro la Francia, prendemmo tre gol. Anche quando Mihajlovic lo mise per la prima volta in campo il 25 ottobre 2015, a 16 anni e 8 mesi esatti, non fu un record. Giuseppe Sacchi aveva debuttato ai suoi tempi 13 giorni prima. Questo piccolo deserto di partenza forse è un vantaggio. Forse vale per lui quello che Ronald Reagan disse degli Stati Uniti quando diventò presidente: abbiamo troppo poco passato per non meritarci un grande futuro. Su Donnarumma penso abbia ragione Reagan".