Due giorni folli: è la vittoria di un popolo intero. Milan già proiettato al futuro

24.05.2022 00:06 di Antonio Vitiello Twitter:    vedi letture
Due giorni folli: è la vittoria di un popolo intero. Milan già proiettato al futuro
MilanNews.it

Sono stati due giorni di totale delirio, un vortice di emozioni clamorose che nessuno potrà mai dimenticare. Il viaggio a Reggio Emilia, la vittoria netta del Milan contro il Sassuolo e poi il diciannovesimo scudetto che ha dato il via ad una festa incredibile. Non si vedeva da anni questo entusiasmo, e siamo fieri e orgogliosi di averlo testimoniato e raccontato passo dopo passo con la redazione di MianNews.it, nei minimi dettagli, nei particolari più significativi. La festa di oggi significa tanto: è la riscossa di un popolo intero dopo 11 anni di sofferenza, ma è anche il successo della consapevolezza. Questo Milan è forte, ha totalizzato 86 punti e ha dimostrato di avere dei principi di gioco freschi e originali.

L’abbraccio di Milano alla squadra, le urla di gioia, i cori, le esultanze di Ibrahimovic, Hernandez, un Pioli scatenato, 48 ore davvero spettacolari per la tifoseria rossonera.

Ora si pensa già al futuro e questa squadra è solamente all’inizio di un ciclo. In queste ore ci sarà un incontro con il fondo Red Bird Capital per accelerare il passaggio di società. Ma Elliott rimarrà con una percentuale di minoranza, perché ormai il fondo americano ci ha preso gusto, ha partecipato attivamente alla festa con la presenza della famiglia Singer e continuerà ad esserci con loro rappresentanti in società per assicurare continuità progettuale e aziendale.

E’ un momento cruciale per la storia del Milan. La squadra ha vinto un titolo dopo 11 anni, è tornata in prima fascia di Champions grazie a questo successo, e presto ci sarà anche una svolta societaria. Sarà un’estate calda anche sotto l’aspetto del calciomercato. Origi è pronto a sbarcare a Milano, poi sarà il turno di Botman e Sanches, ma probabilmente si aspetterà prima il passaggio di società che viene descritto come imminente. Poi un esterno d’attacco forte per migliorare ancora di più una squadra cresciuta a vista d’occhio negli ultimi due anni.