Milan, danno enorme. Rinnovo, giusto così. Purtroppo mancheranno quattro attaccanti, ma Pioli se la gioca

13.09.2022 00:00 di Antonio Vitiello Twitter:    vedi letture
Milan, danno enorme. Rinnovo, giusto così. Purtroppo mancheranno quattro attaccanti, ma Pioli se la gioca
MilanNews.it

La vittoria in dieci uomini a Genova ha dato ancora più consapevolezza al Milan di essere una squadra forte. I rossoneri hanno portato a casa la classica partita storta, che improvvisamente si è trasformata da match dominato a gara beffarda in pochi minuti. Ma quando c’è un allenatore bravo e un gruppo forte si riesce anche a correggere una partita complicatissima. A proposito dell’espulsione di Rafa, il danno per il Milan è stato enorme. Il primo giallo è assolutamente forzato, nasce tutto da una valutazione eccessivamente rigida. Il secondo giallo ai fini del regolamento ci sta, perché la rovesciata che finisce sulla testa di Ferrari viene ritenuto gioco pericoloso, ma è il regolamento ad essere malfatto. La questione è più generica, vale per tutte le squadre, e viene penalizzata la spettacolarità del gioco. Qui ci sarebbe da discutere a lungo. Il danno per il rosso di Leao è enorme perché la squadra è rimasta in dieci per tutta la ripresa e perché nel big match della prossima giornata di campionato mancherà il giocatore più importante della serie A.

L’Mvp dello scorso campionato non ci sarà contro il Napoli, e non solo lui. Purtroppo per i rossoneri saranno quattro gli attaccanti assenti nella sfida agli azzurri. Leao per squalifica, Ibrahimovic tornerà a gennaio, ma soprattutto Rebic e Origi. Sarà un Milan privo di quattro attaccanti in una delle gare più importanti della stagione, ma nonostante ciò Pioli non si pianerà addosso, come ha sempre fatto. Siamo sicuri che il tecnico del Diavolo troverà l’ennesima soluzione per consentire alla sua squadra di rendere al meglio e provare a vincere contro un avversario forte. Milan e Napoli, a differenza di Inter e Juve, giocano un bel calcio e sono entrambe molto competitive. Per questo il minimo dettaglio può incidere sul risultato finale. Pioli ha dimostrato di essere un ottimo allenatore e in vista dell’impegno contro gli azzurri sta già studiando l’undici iniziale con gli eventuali aggiustamenti in corso d’opera.

Come detto non ci sarà Rebic per un problema di ernia al disco che sta provocando fitte dolorosissime al croato. Si è scelto la terapia conservativa e vedremo più avanti gli effetti. La brutta notizia è che Origi volerà in Belgio per curare un’infiammazione al tendine. Divock prima di passare al Milan aveva subito un brutto infortunio al retto femorale, che gli aveva fatto saltare tutta la preparazione estiva. Da inizio agosto ha comunicato a lavorare con il gruppo a Milanello ma saltuariamente ha dovuto fermarsi per queste infiammazioni al tendine. In accordo con lo staff medico del Milan, e quello della nazionale belga, il giocatore è volato in patria per risolvere il problema. Sarà monitorato durante la sosta, in attesa di un rientro a Milano prima possibile per cominciare a giocare con continuità. Origi se in forma è un giocatore che in serie A fa la differenza, serve però risolvere la problematica al tendine.   

Chi sta tirando la carretta e Olivier Giroud, costretto agli straordinari. Il Milan ha apprezzato tanto il suo lavoro in questi mesi e sta lavorando per prolungargli il contratto almeno di un’altra stagione. Il bomber francese è stato monumentale contro la Samp, oltre ad essere sempre decisivo nei derby. Work in progress per allungare il rapporto con il campione francese.