acmilan - Op-ed: la tempesta perfetta

11.07.2019 19:01 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
Fonte: acmilan.com
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
acmilan - Op-ed: la tempesta perfetta

Miami, agosto 2017. Dopo due settimane di vacanza in Florida, io e il mio migliore amico Fabiano stiamo per tornare dal nostro soggiorno negli States. Giorno e orario d’arrivo previsti a Milano: giovedì 3 agosto alle 13:30. Alle 20:45, entrerà in scena il Milan con la prima partita stagionale a San Siro della nuova stagione: giocheremo contro il Craiova per il terzo turno di qualificazione ai gironi di Europa League. 
I pretesti sono buoni: si parla di 65.000 spettatori previsti, l’avversario è alla portata e la serata prospetta una temperatura oltre i 30 gradi. Insomma, tutti i presupposti per godersi una piacevole serata di calcio estivo. E forse, a convincerci di più è l’ultimo pretesto in quanto i nostri ultimi giorni sono stati bagnati da una noiosa tempesta tropicale. Con la tipica calma che si può avere solo in vacanza, ovvero il giorno prima, compriamo i biglietti pregustandoci già la serata che sarà.


Milano, Stadio San Siro, 3 agosto 2017, ore 20:45.
Poltroncine rosse centrali, settore P, fila 3, posti 7 e 8. Tutto è pronto all’inizio della partita, le squadre sono già in campo e tutti i 65.000 spettatori sono al loro posto. Tutti, tranne noi due. Noi siamo bloccati all’aeroporto di New York, perché la tempesta tropicale incontrata a Miami ha deciso di salire fino a lì, lasciando a terra tutti i voli. Riusciamo a connetterci al Wi-Fi dell’aeroporto per guardarci la partita dall’iPad. 2-0, Bonaventura e Cutrone. Ci vorranno altre 12 ore e un ulteriore scalo a Francoforte per tornare a Milano. Partita ormai bella che finita.


Tornati a casa decidiamo di scrivere al Milan raccontando la nostra vicenda. Con nostro piacere, veniamo invitati a scegliere una partita a scelta del girone di Europa League al quale assistere come omaggio. Volete sapere com’è finita? Milan-AEK Atene, 0-0. Durante una fredda e umida serata di ottobre con il termometro sotto i 10 gradi. Insomma, non proprio il gradevole calcio estivo pregustato in quella giornata a Miami.

di Andrea Rainone

"Le emozioni di Milan-Craiova, il nostro ritorno in Europa a San Siro, non avete potuto viverle dagli spalti di San Siro e purtroppo Milan-AEK non vi ha poi riservato gli stessi brividi. Ciò che il Milan ha voluto premiare è però il vostro amore e il vostro attaccamento ai nostri colori".