ESCLUSIVA MN - Calaiò: “Non sarà facile trattenere un Leao su questi standard. De Ketelaere? Ha talento e merita la maglia rossonera”.

24.09.2022 17:00 di Redazione MilanNews Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA MN - Calaiò: “Non sarà facile trattenere un Leao su questi standard. De Ketelaere? Ha talento e merita la maglia rossonera”.
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Umberto Calaiò, noto scout e opinionista calcistico, ha risposto ai microfoni di MilanNews.it per parlare di alcune tematiche legate al mercato dei rossoneri approfittando della pausa nazionali.

Calaiò, sarà difficile per il Milan trattenere Leao?
“Secondo me sì perché se continua ad esprimersi su certi standard diventa veramente dura tenere a distanza quei quattro, cinque top club a livello europeo che potrebbero accaparrarselo. Non mentirei se dicessi che lo reputo tra i primi cinque al mondo in questo momento per caratteristiche e attitudini. Il Real Madrid, dico per dire, potrebbe gettarci presto gli occhi sopra”.

Con la nuova proprietà il mercato del Milan cambierà fisionomia o si manterrà sugli stessi standard?
“Io credo un po’ entrambe le cose. La filosofia del duo Maldini-Massara si è rivelata vincente, su questo non c’è dubbio. Allo stesso tempo penso che con la nuova proprietà si possa andare anche, in alcuni casi, sopra gli standard prefissati. Se dovesse uscire un calciatore fuori dal salary del Milan non credo che si tirerebbero indietro”.

L’operazione De Ketelaere come la giudica?
“Presto per poterlo dire ma credo che abbia tutte le carte in regole per esplodere. Ha talento, è da Milan e il gioco di Pioli lo può valorizzare. Forse ha qualche problema ad esprimersi con questo sistema. Potrebbe anche capitare che, con moduli alternativi, sappia dare un’impronta diversa e risultare più determinante”.

Messias è la testimonianza che anche nelle serie inferiori esistono giocatori da Milan?
“Non solo Messias, la Serie A lo sta insegnando. Ci sono sempre più elementi che partono dalla base e arrivano in alto. Giocatori che escono dalle grandi Primavere, si formano in Serie D o Serie C e poi ritornano. La chiave per i direttori sportivi è non perderli di vista e tenerli sempre sott’occhio”.

Milan-Napoli è stato già un assaggio di sfida Scudetto?
“Ne sono convinto. Stiamo ritornando ai grandi fasti delle sfide tra il Milan di Van Basten e il Napoli di Maradona”.

Intervista di Peppe Gallozzi