Gazzetta - Il Psg su Scamacca. Ma il Milan può metterlo al centro del progetto

11.06.2022 10:00 di Francesco Finulli   vedi letture
Gazzetta - Il Psg su Scamacca. Ma il Milan può metterlo al centro del progetto
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Gianluca Scamacca, al termine di una stagione da 16 gol in 36 partite, è diventato l'oggetto del desiderio di molti club, italiani e non solo. Anche il Milan, nelle scorse settimane è stato accostato più volte al calciatore del Sassuolo. La notizia degli ultimi giorni, però, è che sull'attaccante italiano c'è un forte interesse del Psg del nuovo direttore tecnico Luis Campos. Il club rossonero, però, potrebbe offrire a Scamacca un progetto migliore rispetto a quello parigino.

Ambiente ideale

Come riporta oggi la Gazzetta dello Sport, il Milan per Scamacca potrebbe costituire un ambiente decisamente migliore rispetto a quello che troverebbe nel Psg. A Parigi c'è un grande affollamento di stelle, soprattutto nella fase offensiva e l'azzurro potrebbe influenzare molto il suo processo di crescita se dovesse trovare poco spazio. D'altro cano a Milanello, pur con una possibile staffetta con Giroud e Origi, Scamacca sarebbe il nuovo gioiellino da far crescere, come Pioli ha dimostrato di saper fare negli ultimi due anni e mezzo con molti dei talenti sbarcati in rossonero. Scamacca è giovane e ha talento, rientra perfettamente nei parametri richiesti dal club di via Aldo Rossi. A oggi il Sassuolo chiede almeno 40 milioni, cifra ritenuta un po' alta e che potrebbe essere limata anche con l'inserimento di qualche contropartita tecnica. Nomi possibili sono quelli di Lorenzo Colombo, reduce da un prestito a due facce alla Spal in Serie B; Daniel Maldini, che ha trovato poco spazio nella seconda parte dell'anno e potrebbe andare a farsi le ossa; Marco Nasti, bomber della Primavera rossonera.

Caratteristiche utili

Inoltre, il profilo di Scamacca potrebbe sposarsi alla perfezione con il gioco del Milan e di Stefano Pioli. L'azzurro, per prima cosa, è abituato a giocare nel 4-2-3-1, modulo prescelto da Dionisi nel Sassuolo e poi può contare su una stazza fisica importante e unica nel panorama degli attaccanti emergenti italiani. In tutto questo, la punta neroverde può fare affidamento su ottime qualità tecniche che gli permettono di venire spesso fuori dai sedici metri avversari per dialogare con i suoi compagni di reparto e aprire gli spazi per gli inserimenti. Anche Zlatan Ibrahimovic, che potrebbe tornare da gennaio in avanti e a cui Scamacca può somigliare per alcune caratteristiche, potrebbe giocare un ruolo determinante all'interno del processo di crescita del giocatore, con lo svedese pronto a fare da chioccia. Il discorso, al momento, è ancora nel mondo delle ipotesi, dal momento che prima c'è la necessità di trovare un punto d'incontro con il Sassuolo.