Milan, Leao straripante: in metà delle partite o segna o fa assist. In stagione gli manca la doppietta

17.05.2022 14:00 di Antonio Tiziano Palmieri   vedi letture
Milan, Leao straripante: in metà delle partite o segna o fa assist. In stagione gli manca la doppietta
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Se la forza difensiva è uno dei fattori che stanno trascinando il Milan a disputare la miglior stagione da oltre 10 anni a questa parte, lo stesso si può dire di un singolo: Rafael Leao. Il portoghese in questa stagione è un protagonista assoluto della squadra di Stefano Pioli. Straripante per larghi tratti dell’anno, Leao è un titolare inamovibile e sta toccando picchi di rendimento mai raggiunti prima nella sua non lunghissima – è un classe 1999 – carriera. Il Milan da agosto ad oggi ha giocato 47 partite ufficiali, e di queste 47, Leao ne ha disputate 41. I suoi numeri personali sono ottimi: 14 gol e 9 assist complessivi in tutte le competizioni, distribuiti in 20 partite. Ciò vuol dire che in praticamente la metà delle partite che gioca, l’esterno offensivo del Milan mette a referto o una rete o un passaggio vincente.

GLI MANCA LA DOPPIETTA

Ciò che manca al numero 17 del Diavolo è una doppietta. In questa stagione infatti, Leao quando ha segnato non è mai riuscito a trovare la marcatura multipla. Da quando veste la casacca rossonera, il portoghese ha segna una sola doppietta, il 4 ottobre 2020 nel 3-0 casalingo contro lo Spezia.

A SASSUOLO PER CORONARE IL SOGNO SCUDETTO

Oltre alle soddisfazioni personali ora Leao punta anche a vincere un titolo di squadra. Al Milan manca un punto per conquistare uno storico scudetto, da squadra non certo favorita a inizio campionato. Un quasi miracolo che ha bisogno di essere completato domenica alle 18.00 contro il Sassuolo nel match del Mapei Stadium. Il Diavolo deve almeno pareggiare per sicuramente portare a casa il suo 19esimo titolo della storia, e siamo certi che tutti i giocatori daranno il 110% per ottenere questo risultato. Il primo sarà Leao, colui che quest’anno è stato l’uomo in più dei rossoneri in fase offensiva.