Milan, oggi scadono i contratti di Maldini e Massara: è già una sconfitta. Ma c'è ottimismo per i rinnovi

30.06.2022 08:00 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
Milan, oggi scadono i contratti di Maldini e Massara: è già una sconfitta. Ma c'è ottimismo per i rinnovi
MilanNews.it

Oggi, 30 giugno 2022, scadono ufficialmente i contratti con il Milan di Paolo Maldini e di Frederic Massara, rispettivamente direttore dell'area tecnica e direttore sportivo del club rossonero, artefici principali del progetto che ha portato la squadra di Pioli a laurearsi Campione d'Italia poco più di un mese fa.

E i rinnovi...
E i rinnovi non sono ancora arrivati, molto semplicemente. Tante sono state le voci, tante le discussioni, tante le ipotesi sulle motivazioni e tanti gli incontri, ma nulla si è ancora risolto con la stretta di mano definitiva; anche ieri, nonostante il ritorno di Ivan Gazidis, ad rossonero, a Milano dopo giorni di controlli medici a New York, non è stata trovata la quadra. Non si tratta - si precisa - di una questione di soldi o di durata, ma di poteri: Paolo Maldini vorrebbe maggiore operatività nell'ambito sportivo ed è qui che, probabilmente, si gioca la partita.

Milan, è già una sconfitta
Il risultato finale di tale partita, però, non potrà che essere quello di un accordo che faccia sì che tutto resti com'è e, al momento, le indiscrezioni dagli ambienti rossonero riportano ottimismo sulle firme. È impossibile pensare al Milan con lo Scudetto sul petto che perde Maldini e Massara in dirigenza in pieno calciomercato estivo. Ma d'altronde, era anche praticamente impossibile pensare che due dirigenti del genere, con un progetto del genere e, nel caso di Maldini in primis, con un nome del genere, potessero arrivare senza nuovo accordo al 30 giugno 2022. La situazione è, senza mezzi termini, al limite dell'imbarazzo, anche perché pare chiaro che, per tanti ed evidenti motivi, tutto andava concluso mesi fa. Per il Milan, comunque andrà a finire questa serata, è già una sconfitta. L'importante sarà ripartire. Palla al centro, si spera.