Centrocampista: corsa contro il tempo, ma Vranckx si avvicina. Thiaw: una scelta precisa. Rimane la falla dell’esterno destro offensivo

29.08.2022 17:36 di Pietro Mazzara Twitter:    vedi letture
Centrocampista: corsa contro il tempo, ma Vranckx si avvicina. Thiaw: una scelta precisa. Rimane la falla dell’esterno destro offensivo
MilanNews.it

L’arrivo di Malick Thiaw, che non comporterà l’uscita di Matteo Gabbia, completa il pacchetto dei difensori centrali a disposizione di Stefano Pioli che adesso attende che Paolo Maldini e Ricky Massara gli mettano a disposizione anche il centrocampista centrale che manca. Thiaw è stata una scelta della dirigenza, che dopo aver sondato le varie piste raccontate nel corso delle scorse settimane, ha optato per un investimento economico sull’ex Schalke 04, che oggi sostiene le visite mediche, con un esborso di 6 milioni più bonus che, a conti fatti, sono i soldi che il Milan ha incassato dalla cessione di Paquetà al West Ham da parte del Lione. Forte fisicamente e considerato un prospetto idoneo a integrarsi con Kalulu, Tomori, Kjaer e Gabbia, Thiaw darà proprio a Simon il tempo che ancora gli serve per essere al top della forma.

Adesso, gli ultimi giorni di mercato, saranno dedicati al centrocampista. Tutti, nell’universo Milan, si aspettano un colpo di coda da parte della dirigenza visto che l’entrata arrivata dalla cessione di Paquetà ha coperto l’investimento per Thiaw. Tanti procuratori e intermediari stanno telefonando a Ricky Massara per proporgli giocatori da loro assistiti o seguiti. Svanito Onyedika e con Onana in direzione Spezia, il nome più caldo è quello di Aster Vranckx del Wolfsburg anche perché Joao Gomes del Flamengo, che interessa molto ai rossoneri, ha una valutazione alta secondo quanto trapela dal Brasile. Maldini e Massara dovranno operare in fretta e con una disponibilità economica ridotta, ecco perché andranno alla ricerca di un prestito (magari oneroso) con diritto di riscatto. Ma nelle scorse ore, nonostante la presenza dell'Atalanta sul giocatore, le parti si sono avvicinate e la giornata odierna potrebbe essere molto importante per arrivare alla chiusura e completare il reparto.

Giustamente Pioli, nel post Milan-Bologna, ha difeso i componenti della sua fascia destra offensiva. Lo fa perché è un allenatore che ha a cuore la serenità dei suoi calciatori, ma che vi sia un dislivello di valori importante è cosa ormai lampante. Le necessità e inizio mercato erano tre: un difensore centrale, un centrocampista che andasse a sostituire Kessie e un esterno alto a destra. Il riscatto di Messias ha cancellato dalla lista delle cose da fare quest’ultima voce. Il ragazzo si impegna, nessuno lo mette in dubbio, ma il suo rendimento è tornato in linea con quello dello scorso anno. Saelemaekers deve riaprire il suo processo di crescita e trovare nuove soluzioni di gioco per poter riprendersi la maglia da titolare. Ma il senso di incompiuta in quella porzione di campo, per la seconda estate consecutiva, rimane e solo Messias e Alexis, cambiando decisamente registro, potranno ribaltare la considerazione generale che la critica ha di loro. Un compito arduo.