Gara tosta, aggrappati a Ibra. I tifosi e Kessie, il Milan e il sostituto...

12.09.2021 00:00 di Andrea Longoni Twitter:    vedi letture
Gara tosta, aggrappati a Ibra.  I tifosi e Kessie, il Milan e il sostituto...
MilanNews.it

La prima di un trittico di partite dal coefficiente di difficoltà alto. Oggi alle 18 la sfida contro una delle squadre che più ha impressionato in questo inizio, breve, di stagione. La Lazio da metà campo in su ha un potenziale notevole che un tecnico come Sarri può esaltare. Anche il Milan è partito forte, ma dovrà fare a meno di uno degli uomini più importanti, come Olivier Giroud.

Ovviamente non sarà una gara decisiva, ma darà indicazioni preziose sulle ambizioni delle due squadre e potrà spostare in un senso o nell'altro l'asticella dell'autostima e della consapevolezza. Senza l'attaccante francese, Pioli là davanti si aggrapperà a Zlatan Ibrahimovic per il minutaggio che lo svedese ha nelle gambe. C'è grande curiosità nel rivedere in campo la punta che è fuori dalla sfida contro la Juve dello scorso 9 maggio. Proprio contro i bianconeri, tra una settimana, lo si potrà vedere in campo forse insieme a Giroud per uno spezzone.

Tra gli ingredienti della giornata odierna c'è sicuramente anche il ritorno in campo di Franck Kessie, davanti al proprio pubblico. Sul tema, i tifosi sui social negli ultimi giorni si sono scatenati: mediamente chi ha il Milan nel cuore si è sentito preso in giro dalle promesse dell'ivoriano e non ha risparmiato critiche anche dure. Oggi la contestazione proseguirà anche allo stadio o i supporter cercheranno di conquistarlo facendo sentire il proprio calore? Tra poche ore lo scopriremo. La delusione è assolutamente comprensibile e legittima, visto che dall'Olimpiade Kessie ha parlato al cuore dei tifosi, tradendoli poi, almeno a oggi, nei fatti.

Dall'altra parte, con estrema razionalità, va ricordato che la partita sul rinnovo non è ancora finita e che il centrocampista sarà una risorsa fondamentale per Mister Pioli, che ieri sul tema è stato chiaro. A ognuno la propria scelta, anche se per il bene del Milan, va detto, fischi e contestazione al giocatore avrebbero conseguenze chiaramente non positive. In tutto questo, è giusto chiedere a Kessie di prendere posizione, una volta per tutte, nel bene si spera. Alla dirigenza rossonera l'offerta del PSG sembra un bluff di Atangana, che spera in un rialzo del Milan. Se così fosse, aspettare sarebbe comunque troppo rischioso, perchè è ovvio che l'ex Atalanta a costo zero fa gola a tantissimi. Insomma, chiudere la pratica in brevissimo tempo. Ed eventualmente, qualora non si arrivasse all'accordo, individuare già il sostituto, non come successo questa estate nella ricerca del trequartista.