Maldini e Massara come il patriarca Idumeo. La trattativa è ancora aperta. Ziyech può essere la sorpresa di fine mercato. Intanto, dopo il belga, caccia al centrocampista. Contro il Wolfsberger vogliamo subito rivedere lo spirito-Milan

27.07.2022 00:00 di Carlo Pellegatti   vedi letture
Maldini e Massara come il patriarca Idumeo. La trattativa è ancora aperta. Ziyech può essere la sorpresa di fine mercato. Intanto, dopo il belga, caccia al centrocampista. Contro il Wolfsberger vogliamo subito rivedere lo spirito-Milan
MilanNews.it

Se il Milan ha ancora possibilità di acquisire Charles De Ketelaere, lo deve molto, moltissimo, a Charles De Ketelaere. Il talento belga infatti vuole solo il Milan. Non fosse così sarebbe già ad allenarsi con la maglia bianca del Leeds. Insomma, il coro "Uno di noi, Charles, uno di noi" potrebbe essere già preparato per la prima partita di campionato. Uso ancora il condizionale perché la trattativa, pur ancora molto viva, rimane delicatissima e complicatissima. Appare chiaro che tutto il Milan, a partire proprio da Stefano Pioli, puntano su De Ketelaere perché ritenuto la figura ideale per aumentare la caratura tecnica della squadra. Per questo motivo, ogni apparente dead-line è sempre stata spostata, proprio per tenere sempre viva la speranza di acquisire il ragazzo belga. Qualcuno accusa i plenipotenziari del mercato, e con loro la proprietà, di non metter finalmente sul piatto i 3 milioni sufficienti per acquistare Charles. Fosse così semplice, il problema sarebbe già risolto, ma i 3 sono già diventati 4 e forse 5. Insomma, paiono non bastare mai. Insomma il Bruges, forte di offerte superiori di squadre della Premier League, sembra tendere sempre a aumentare le sue richieste, ma Paolo Maldini e Ricky Massara sembrano possedere la pazienza del patriarca Idumeo Giobbe, bravo a sopportare ogni tribolazione. Il braccio di ferro sarà ancora lungo? Difficile da ipotizzarlo oggi, ma rimane l’impressione che le cifre, come ho detto, si stiano avvicinando, per merito del Milan però.

Intanto sta montando un'ipotesi ancora tutta da verificare. Oggi solo un pensiero lontano. Ho sempre sostenuto, perché sempre così mi è stato detto, che Hakim Ziyech, eventualmente acquistato per occupare il ruolo di trequartista, non fosse compatibile con l’acquisto di CDK. Dall’Inghilterra, invece, si sta diffondendo l’opinione che il giocatore marocchino sia affascinato dalla filosofia e dalle strategie del Milan. Sarebbe quindi disposto ad abbassare le sue pretese riguardanti l’alto ingaggio, valutato intorno ai 6 milioni di euro. Certo rimane aperto il costo del cartellino, ma è un Chelsea, come già visto nelle ultime settimane, molto aperto a accontentare l’allenatore Tuchel, che vuole rinfrescare la sua rosa, puntando su figure nuove, da plasmare secondo la sua filosofia. Quindi i dirigenti rossoneri potrebbero trovare la formula giusta per acquisirlo anche pagando il cartellino, circa 10 milioni, acquistandolo indipendentemente dall’arrivo di CDK, impiegato sulla fascia destra, che molti ritengono uno dei ruoli da potenziare. Beh, non riesco nemmeno a immaginare, mi sembra un sogno quasi irrealizzabile, un attacco con Ziyech, De Ketelaere, Leao e davanti Giroud o Origi o Ibra. Sì, o Ibra. Vedremo l’evoluzione del mercato, ma se Hakim chiama, sarebbe incredibile se il Milan non rispondesse.

Chiusa la parentesi “sogno”, passiamo agli altri due acquisti per completare la campagna rafforzamento, che, per il club rossonero, è ancora tutta da sviluppare. Il tempo, per quanto riguarda l’acquisto di Renato Sanches, che sta sempre aspettando l’offerta dal PSG, sta giocando a favore del Milan, che ha già inviato l’offerta al Lille - offerta già accettata -, pronto in caso di telefonata di Renato a chiudere la trattativa in mezza giornata. È chiaro che, nel caso di affondo del Psg, i dirigenti rossoneri cambierebbero obiettivi. Piace molto Carney Chukwuemeka, centrocampista di 19 anni (scadenza 2023, costo intorno ai 15 milioni), ma mezza Europa ha puntato gli occhi sul talento dell’Aston Villa. Non sarà facile portarlo a Milano. Più lineare invece la trattativa legata a Japhet Tanganga, il difensore centrale del Tottenham. Ora però la concentrazione e gli sforzi sono tutti tesi alla impresa di vincere la resistenza del Bruges per la cessione di CDK.

Intanto il Milan si è allenato in Austria, per chiudere i giorni di Villach con l’amichevole contro il Wolfsberger. Nessun allarme particolare è suonato dopo la sconfitta contro gli ungheresi, ma voglio rivedere subito lo spirito giusto, quello mostrato a Colonia, quello che ha contribuito grandemente alla conquista dello Scudetto numero 19. Ah, a proposito… "I campioni dell’Italia siamo noi", anche se non è ancora arrivato Charles De Ketelaere!