LIVE MN - Cremonese, Alvini in conferenza: "Carnesecchi ha fatto due grandi parate, va detto. Abbiamo cercato di rendere difficile la vita al Milan"

08.11.2022 23:30 di Manuel Del Vecchio Twitter:    vedi letture
LIVE MN - Cremonese, Alvini in conferenza: "Carnesecchi ha fatto due grandi parate, va detto. Abbiamo cercato di rendere difficile la vita al Milan"
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Amici e amiche di MilanNews.it, benvenuti nella sala stampa dello Zini. A breve Massimiliano Alvini, allenatore dei grigiorossi, parlerà in conferenza stampa al termine di Cremonese-Milan 0-0.

Sulla partita: “La squadra ci ha messo tanta voglia, passione, Ha cercato di rendere difficile la vita al Milan. Grande merito ai ragazzi per come hanno saputo fare la partita. La squadra ha messo questa voglia anche sabato a Salerno su un campo difficile. Oggi c’è stato da parte dei ragazzi una buona lettura per saper sporcare la partita al Milan e fargli palleggiare la palla lentamente. Carnesecchi ha fatto due grandi parate, va detto. La Cremonese ha fatto una grande partita, il merito è dei calciatori”.

Hai pensato anche di vincerla? “Ultimamente stiamo più bassi, perché c’è più qualità nelle altre squadre. Concedere campo a certi giocatori rischi poi di prendere delle giocate di qualità maggiore com’è successo nel primo tempo. Lì dobbiamo ancora crescere, e allora abbassato la linea del pressing. Se fossimo stati più alti oggi avremmo fatto fatica perché il Milan ti azzanna, oggi abbiamo deciso di fare una partita più bassa e di chiudere in mezzo. Il duello in mezzo non riesci mai a vincerlo con Brahim, Bennacer e Tonali, quindi i ragazzi hanno fatto la scelta giusta. Vincerla? Mi è passato per la testa. Purtroppo avevo fatto tre cambi per cambiare il ritmo, poi ho deciso di farne un altro, poi l’ultimo è stato di Valeri, ero indeciso se mettere Zanimacchia o Tsadjout per provare a vincerla, ma se avessimo perso sarei stato un pazzo, perderla sarebbe stato un suicidio”.

Sull’attacco e su Carnesecchi: “La Cremonese oggi porta a casa un punto importante, perché giochi contro il Milan campione d’Italia, grande squadra. La Cremonese è viva, lo vedete. Il suo campionato è questo. È logico che abbiamo bisogno di qualche gol e di una vittoria, che manca. Sono certo che con il lavoro e con il recupero di qualche giocatore che anche noi faremo quelle vittorie che possono portarci alla salvezza. Abbiamo un difetto in attacco. Carnesecchi diventerà il miglior portiere italiano dei prossimi anni. Siamo fortunati ad averlo. È un ragazzo che è sul pezzo, deve continuare a lavorare e lo sta facendo”.

Che peso specifico ha questa partita prima della pausa? “Se sei un calciatore mediocre il punto di oggi non lo valorizzi. Venerdì giochiamo, sia noi che l’Empoli dobbiamo fare qualche sacrificio. Daremo il massimo, il punto di oggi ti dà la consapevolezza di poter essere dentro il campionato e di giocarti le tue carte. Il punto di oggi va valorizzato”.

Sulla sosta: “La Cremonese sta bene, il merito è dei calciatori. La sosta… C’è questa anomalia, la prendiamo. Mi sarebbe piaciuto guardare l’Italia al Mondiale. La sosta va sfruttata a favore, ognuno lavorerà al massimo. Il mio unico pensiero comunque è la partita di venerdì, una partita fondamentale”.

Sull’atteggiamento: “Da questo punto di vista non ho mai avuto dubbi. L’atteggiamento è sul pezzo. Quando arrivano calciatori nuovi, stranieri, li devi adattare al campionato italiano e fargli capire cosa vuol dire giocare nella Cremonese per salvarsi. Mancano alcune cose, vogliamo lavorare per ottenerle”.