Giampaolo a MTV: "Il risultato ci infastidisce molto. Il rigore non cambia le valutazioni sulla partita, la squadra ha provato a fare ciò che chiedo"

25.08.2019 20:51 di Fabio Anelli Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
Giampaolo a MTV: "Il risultato ci infastidisce molto. Il rigore non cambia le valutazioni sulla partita, la squadra ha provato a fare ciò che chiedo"

Marco Giampaolo è stato intervistato da Milan Tv dopo la sconfitta contro l’Udinese: “La partita è chiara, al di là del risultato perché quando il Milan perde non va bene. La partita mi ha dato tante indicazioni, la squadra ha provato a fare quello che chiedo, la supremazia territoriale, il prendersi la metà campo, l’essere protagonista. Non siamo mai stati bravi nelle soluzioni offensive. Su questo dobbiamo lavorare. Non è responsabilità dei ragazzi ma per caratteristiche specifiche. Vado oltre al risultato per capire come metterli nelle condizioni migliori”

Sui singoli: “Devo pensare a mettere nella condizione migliore. Magari chiedo loro alcune cose e loro hanno altre caratteristiche. Fino ad oggi la squadra mi ha mostrato grande disponibilità e io poi devo capire la soluzione migliore in base alle caratteristiche delle partite. Devo lavorare in questa direzione”

Il mancato rigore su Piatek: “Il risultato ci infastidisce molto. Non è che questo però può nascondere, non vuol dire che tutto va male. Io devo fare analisi serie, capire cosa la squadra deve migliorare e cosa va bene. Il rigore magari te lo concedono, magari pareggi, ma questo non porta a valutazioni diverse. Devo essere oggettivo”

Sulle parole di Borini sulla fiducia al mister: “La strada del lavoro è quella migliore. Quando si perde si aprono le polemiche, è giusto. Noi dobbiamo avere la testa bassa sulle nostre cose, sul giocare a calcio meglio di oggi, il non perdere di vista la possibilità di essere protagonisti. Solo il lavoro ci metterà in questa condizione. Io oggi ho fatto giocare due giocatori che ho allenato una volta e mezza, non ne conosco le caratteristiche mentali e neanche il vissuto”.