Furlani: "Il Milan è stato un po' dormiente, bisognava riaccendere la passione con una gestione adeguata"

26.05.2022 19:41 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
Furlani: "Il Milan è stato un po' dormiente, bisognava riaccendere la passione con una gestione adeguata"
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Giorgio Furlani, portfolio manager di Elliott e consigliere d’amministrazione dell'AC Milan, si è così espresso alla nota rivista Forbes (CLICCA QUI per l'INTERVISTA completa) sul progetto Elliott: "Il Milan per molti anni non è riuscito a raggiungere la Champions League, che è il torneo in cui tutti vogliono giocare e l’Europa serve anche per sviluppare il brand. Di conseguenza, abbiamo dovuto aggiustare questa situazione, ottenendo un miglioramento delle prestazioni e riducendo i costi. Questi due aspetti, generalmente, non vanno insieme. Abbiamo iniziato a sviluppare il business plan con il Milan, modificando il team dirigenziale e il personale dell’area business, assumendo alcuni membri e poi vari dirigenti di grande talento del mondo dei beni di consumo, intrattenimento, etc.. Il Milan ha da sempre moltissimi tifosi, è un brand fantastico che ha fan in tutto il mondo che tengono davvero alla squadra. Negli ultimi anni è stato un po' ‘dormiente’ a causa di performance sotto il livello solito sul piano sportivo che non gli hanno permesso di giocare nella massima competizione europea; c’era delusione… Questo succede se si vogliono risultati, ma non si ha un business plan e persone che siano in grado di vendere e di far crescere il brand; così non si va da nessuna parte. C’era, quindi, davvero bisogno di migliorare le prestazioni per ri-accendere la passione per il Milan, ma bisognava farlo con una gestione adeguata sul lato commerciale per essere in grado, una volta che le prestazioni sportive stavano iniziando a migliorare, di tornare un marchio forte. Serve la combinazione di entrambe le cose".