Garlando sulla Gazzetta: "Volo Milan, non c'è solo Ibra"

30.11.2020 12:49 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Garlando sulla Gazzetta: "Volo Milan, non c'è solo Ibra"

Luigi Garlando, sulle pagine della Gazzetta dello Sport, ha parlato così del Milan primo in classifica in Serie A: "Nel momento in cui si pensava di scoprire la debolezza del Milan, ci si accorge della sua forza. Senza Ibrahimovic, il totem capocannoniere; senza Bennacer, cervello dell’impostazione; senza il timoniere Pioli, il Diavolo ha battuto la Fiorentina con una sicurezza da grande, ha allungato a +5 sui secondi e a +6 sulla Juve, insensibile alla fatica di coppa che ha falciato Atalanta e Lazio. Più dei numeri record, due immagini di ieri raccontano bene la capolista. La prima: Ibra che esulta con passione, a pugni chiusi, tra gioia e sorpresa: 'Ma allora, siete forti quasi come me…'. Il Milan ha saputo fare a meno di Ibra, come la Juve non ha saputo fare a meno di CR7: 3 pareggi contro Crotone, Verona e Benevento. Non si sa dove fosse Cristiano sabato sera, Zlatan era accanto ai compagni più appassionato che mai. Anche questo conta. Seconda immagine: a fine match, ancora in campo, Pioli si è collegato con i giocatori in videochiamata. Un’empatia chiave, tattica e spirituale. Pioli era in campo anche durante la partita, dentro ciascun giocatore, sotto forma di conoscenze. Sono state queste conoscenze, non meno di Ibra, a dare coraggio e convinzione a un gruppo che prima, se beccava un gol, si scioglieva. Oggi ognuno sa cosa deve fare e dove può arrivare".