Pagni: "Milan, Giampaolo vuole Torreira: costa ma farà un sacrificio per un regista "fondamentale""

15.06.2019 19:15 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Luca Pagni per bollettinomilan.wordpress.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Pagni: "Milan, Giampaolo vuole Torreira: costa ma farà un sacrificio per un regista "fondamentale""

Come in tutte le regole scientificamente provate, ci sono le eccezioni che ne confermano a pieno la validità. Il nuovo Milan Gazidis-Maldini-Boban non può (per il momento) e non vuole (per un paio d’anni) spendere. Ma scommette sui suoi scout (a cominciare dal “capo” Goffery Moncada) per scoprire talenti e/o giocatori affidabili a prezzi molto contenuti (il modello Krunic, per intenderci).                                                                                                      

Ma uno strappo alla regola verrà fatto. E si tratta di un’ottima scelta. Il Bollettino ne è innamorato da quando due anni fa lo ha visto giocare a San Siro con la Sampdoria guidata proprio Marco Giampaolo: il moto perpetuo, i contrasti decisi e senza paura, i piedi delicati con un colpo di piatto così preciso che consente al compagno di giocare la palla senza nemmeno doverla stoppare. E, soprattutto, la grande capacità di giocare spalle alla porta liberandosi della pressione avversaria e riaprire allo stesso tempo il gioco. Del resto, nasce seconda punta nelle giovanili e all’occorrenza trequartista.   

Sono le caratteristiche principali di Lucas Torreira, grazie alle quali, dalla Samp, ha conquistato la cabina di regia dell’Arsenal e della nazionale uruguagia. Giampaolo, come avrete letto, lo ha messo in cima alla lista delle sue richieste: se gli fosse concesso un solo giocatore sarebbe proprio lui. E il Milan farà di tutto per accontentarlo. Intanto, perché basta averlo visto giocare. Poi perché è fondamentale un giocatore con quelle caratteristiche nel 4312 del mister di Giulianova. Inoltre, è giovane esattamente come da politica del nuovo Milan, con 23 anni appena compiuti (ma già 105 partite tra serie A e Premier e 10 gol). Anche il costo, se fossero confermate le indiscrezioni è accettabile: 40 milioni, contro una valutazione di 55 su Transfermarkt.                                                                                                                                                                                                                         

Inoltre, il Bollettino crede negli incroci del destino. A portarlo al centro del campo e del gioco è stato Massimo Oddo, indimenticato terzino destro dell’ultima Champions del Milan, quando allenava la Primavera a Pescara e ha poi conquistato la serie A. Guarda caso, lo stesso ruolo – stesse caratteristriche, stesso fisico – di un altro talento che si è fatto un nome sulle rive dell’Adriatico come Massimo Verratti. Ma ancora prima a sgrezzarlo nella Primavera degli abruzzesi appena arrivato dai Wanderers di Montevideo,  ci aveva pensato Federico Giampaolo, fratello del neo allenatore rossonero. Se a tutto ciò si aggiunge il fatto che la compagna di Torreira è italiana, un amore scoppiato durante la sua permanenza a Genova, e che vorrebbe tornare in Italia, il cerchio potrebbe anche chiudersi.                                                                                                                                               

Certo: c’è la questione economica e il fatto che l’Arsenal non vorrà privarsene. Ma qui potrebbero avere un ruolo i legami di Gazidis con il club londinese, oltre al fatto che in questo caso la volontà del giocatore è sempre importante. Se così sarà, il MIlan, che sta nascendo mattone dopo mattone, avrebbe trovato un giocatore che ne consolida le sue fondamenta e che completa in mediana l’asse che da Romagnoli porta a Paquetà e che ha davanti anni di carriera. Incrociamo le dita.