Ponciroli: "Piatek non è un pacco!"

11.09.2019 15:01 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Fabrizio Ponciroli per TMW
© foto di Image Sport
Ponciroli: "Piatek non è un pacco!"

Ma ciò che mi preme è soffermarmi su Piatek. La sua carriera è già degna di un film di Hollywood. Il polacco è passato da signor nessuno a fenomeno del calcio italiano. L’approdo al Milan è giunto in tempi rapidi, a cifre considerevoli. Bene, la gloria è durata il tempo di un acquazzone di mezza estate. Incredibilmente, il polacco è già un caso a Milano. Ne ho sentite di tutti i colori, anche questa frase che riporto integralmente: “Era normale che fallisse, ha preso la maglia numero 9 e, al Milan, se prendi la 9 sei finito. Doveva scegliere un numero diverso”. Ok, sono abbastanza scaramantico ma arrivare a giustificare il fallimento di Piatek per il numero che ha sulle spalle, beh, mi pare azzardato. Indubbiamente, l’ex centravanti del Genoa sta vivendo un momento complicato. Deve ancora trovare il giusto feeling con Giampaolo ma non è un pacco. Chi lo paragona a gente come Blissett o Josè Mari, si dovrà ricredere (la mia età anagrafica mi ha permesso di vedere, in azione, sua Blissett che Josè Mari) Piatek ha appena compiuto 24 anni e, meglio ricordalo, lo scorso anno, tra Genoa e Milan, ha segnato 30 gol stagionali. Deve essere coccolato, è uno che (ve lo assicuro) non si tira mai indietro. In allenamento, è un leone. Lasciarlo giocare (e sbagliare) fa parte della sua normale curva di crescita. Lontano i detrattori, fiducia a Piatek!