Brahim, altri colpi di classe. Le due opzioni che lo riguardano per la sfida con la Roma

23.10.2020 16:00 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Brahim, altri colpi di classe. Le due opzioni che lo riguardano per la sfida con la Roma

Certi svolazzi non li correggi così, dall’oggi al domani, ma quando uno è forte e disegna calcio come Brahim Diaz, allora certi ghirigori – seppur in un momento delicato della partita – possono passare in secondo piano. Il folletto in maglia numero 21, ieri sera, non ha fatto il vice Calhanoglu, bensì il vice Rebic perché contrariamente alle aspettative della vigilia, Stefano Pioli lo ha piazzato sulla corsia di sinistra con libertà di movimento. E questo aspetto è stato fondamentale in occasione del gol del raddoppio con Brahim che ha tagliato da sinistra verso il centro e poi, ricevuta palla, ha allargato a destra il suo raggio d’azione per poi concludere in rete.

INDICAZIONI TATTICHE -  Lo schieramento dietro a Ibrahimovic visto ieri sera potrebbe non essere un unicum nel corso delle prossime settimane. Perché le assenze contemporanee di Calhanoglu e Rebic impone a Pioli una riflessione ulteriore sulle alternative che deve avere in panchina e da utilizzare a gara in corso. Ecco perché contro la Roma non dovrebbe stupire una possibile riproposizione di Brahim largo con Krunic dietro a Ibra e l’inserimento di Saelemaekers al posto di Castillejo. Ma molto passerà anche dal tipo di partita che vorrà fare Pioli, perché in caso di tridente molto offensivo, Brahim slitterebbe nello spot di Calhanoglu con Leao o Hauge a sinistra.

QUALITA’ – Brahim, al secondo gol con la maglia del Milan dopo quello di Crotone, ha dimostrato di avere qualità non comuni. Tocco di palla delizioso, visione di gioco e lettura degli spazi non comuni. A volte si innamora del pallone e del dribbling, cercando la giocata risolutrice anche in porzioni di campo delicate. Ma il suo talento gli può permettere di prendersi questi rischi. Il Milan farebbe bene a iniziare a pensare ad intavolare una trattativa con il Real per trattenerlo, anche perché l’evoluzione del caso Calhanoglu (richiesta tra i 6,5 e i 7 milioni per il rinnovo) potrebbe creare non pochi grattacapi e conviene coprirsi per tempo.