Castillejo, la bravura di cogliere la propria occasione: è lui l’esempio da cui ripartire

16.02.2020 18:00 di Pietro Andrigo   Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Castillejo, la bravura di cogliere la propria occasione: è lui l’esempio da cui ripartire

La pazienza di aspettare il proprio momento. La bravura e l’astuzia nel saperlo cogliere. Farsi trovare pronti e reattivi dopo un lungo soggiorno nel dimenticatoio non è facile e, in questo senso, la scalata calcistica di Samu Castillejo all’interno del Milan assume ancora più valore. L’esterno spagnolo, arrivato a sorpresa due stagioni fa in un inaspettato scambio con Bacca, è sempre stato etichettato come riserva di Suso sia per l’intoccabilità dell’ex numero 8 rossonero sia per una serie di prestazioni fisiche e tecniche che non avevano dato garanzie di titolarità. Come un frutto acerbo, Castillejo ha superato le intemperie fatte di critiche e di panchine sino alla sua maturazione che lo ha portato a diventare un ingrediente imprescindibile per la ricetta della rinascita rossonera.

RIGENERATO - Un determinato tipo di cura, si sa, può avere effetti diversi sulle persone: da un lato può riattivare dall’altro invece può sancire la definitiva fine. Per un Milan malato autore di una stagione deludente, la dirigenza rossonera ha prima somministrato il trattamento Pioli e successivamente ha offerto un medicinale forte come il ritorno di Zlatan Ibrahimovic: se per Suso questa terapia ha sancito la sua cessione, per Castillejo invece è stata una fortuna. L’ex Villareal, infatti, ha trovato nell’allenatore emiliano e nel campione svedese una cura fondamentale che lo ha portato ad essere un indiscusso titolare del Milan.

ESEMPIO PER LA SQUADRA - “L’arrivo di Ibra mi ha fatto pensare a nuove posizioni. Samu ha le caratteristiche giuste, sta facendo bene con grande intensità e giusta qualità. E’ questa la strada che dobbiamo intraprendere tutti.” Parole di Stefano Pioli nella conferenza stampa prima della gara contro il Torino che confermano, in maniera inequivocabile, la crescita dello spagnolo. La bravura di Castillejo, come già anticipato prima, è ravvisabile sia nell’aver convinto Pioli di essere l’uomo giusto su cui puntare sia aver sfruttato il riflesso talentuoso di Ibra per cominciare a brillare di luce propria. Questa crescita caratteriale e tecnica, indipendentemente dal fatto che possa essere temporanea o meno, lo porta di diritto ad essere un esempio per la squadra: un modello, insomma, da cui ripartire per togliersi soddisfazioni in una stagione difficile.