Come l'amore rosso(nero) il suo mantello

25.04.2022 20:00 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
Come l'amore rosso(nero) il suo mantello
© foto di www.imagephotoagency.it

Non è e non può essere un caso che il gol vittoria di ieri sera - quello della speranza, dell'entusiasmo ritrovato, della fiducia da coltivare e del desiderio Scudetto da sostenere - sia stato siglato da colui che più di tutti nella rosa rossonera - senza, per questo, sottostimare nessuno - medita tutte queste cose. nel suo cuore. Sandro Tonali, ieri e non solo ieri, ha rappresentato ogni milanista.

Prestazione da Tonali
Il numero 8 ha offerto nuovamente una prestazione di altissimo livello in sostanza e qualità in mezzo al campo, duellando corpo a corpo con gli avversari (6 contrasti su 7 vinti) e pulendo con la solita intensità i palloni che recuperava, come quando, in mezzo a tre biancocelesti, è riuscito a brekkare il centrocampo rivale con tanto di tunnel e progressione palla al piede. A coronare questa prova tutta determinazione, il gol che ha deciso il match: inserimento in area, controllo col ginocchio non precisissimo e allungo con il piede a spingere il pallone in rete con la forza di chi vuole inseguire un sogno senza lasciarselo sfuggire. Per farlo ci vogliono umiltà e spirito di sacrificio, come lo stesso Tonali ha dimostrato in quest'anno, risorgendo con il lavoro e l'abnegazione dopo una stagione difficile e un ingaggio al ribasso.

Cuore caldo e mente fredda
Ed è in quelle immagini lì, con Tonali che, togliendosi la maglia, corre verso la sua gente urlando e festeggiando assieme ai compagni, che c'è ciò di cui il Milan aveva bisogno in questo momento: amore, cuore caldo e mente fredda, grinta, volontà, qualità, umiltà e spirito di sacrificio, entusiasmo sotto un'unica bandiera rossonera. Ad issarla, ieri e anche in futuro, è e sarà Sandro Tonali. "Come l'amore rosso il suo mantello", scrive Fabrizio de André nel brano "Marinella": ed è in quelle immagini lì, con il mantello rosso(nero) di Tonali sventolato nel cielo dell'Olimpico di Roma, che, oggi ed in futuro, il Milan ha scelto di ri-ritrovarsi, per portare fuori la voce dei tifosi milanisti e per far innalzare le speranze Scudetto di un popolo che lo meriterebbe per tanti motivi.