Kjaer, il danese è pronto a tornare: la sua leadership sarà fondamentale per Pioli e il gruppo rossonero

02.07.2022 14:00 di Pietro Andrigo Twitter:    vedi letture
Kjaer, il danese è pronto a tornare: la sua leadership sarà fondamentale per Pioli e il gruppo rossonero
MilanNews.it
© foto di Image Sport

Tra nuovi arrivi, giocatori confermati e partenti, il Milan è pronto a cominciare una stagione dall'ambizioso sapore di conferma. I rossoneri campioni d'Italia si raduneranno lunedì a Milanello con la consapevolezza di essere il gruppo con il tricolore sul petto ma anche con il desiderio di certificare il successo ottenuto meritatamente sul campo. Una vittoria raggiunta grazie a una rosa ampia, forte e consapevole dei propri mezzi grazie anche ad esperti elementi come Simon Kjaer. Il centrale danese non è stata una presenza fissa nella stagione del Milan, anzi i rossoneri hanno potuto godere della sua classe e della sua leadership difensiva solo nei primi mesi stagionali. Vittima di un gravissimo infortunio con il Genoa il 1 dicembre 2021, il classe 89' ha affrontato questi primi mesi del 2022 tra piscina e fisioterapista per completare il processo di riabilitazione che lo riporterà sul campo già dai primi giorni della preparazione rossonera. Il suo ritorno in campo è una conferma importante per Pioli e il suo staff perchè non solo potranno contare su un difensore forte e incisivo ma anche su un leader silenzioso e imprescindibile per il giovane gruppo rossonero.

VOGLIA DI TORNARE - Tra i tratti tipici del carattere di Kjaer non si può non citare la professionalità. L'approccio con cui il centrale danese ha affrontato questi mesi di riabilitazione è impeccabile e oltre alla sua presenza fissa a Milanello, tutti i giorni con l'arrivo precedente alla squadra, lo confermano alcune sue parole rilasciate nelle scorse settimane: ""Personalmente trovo molto difficile elogiare me stesso. Ma una delle cose che il Milan ha ritenuto importante era portare nella squadra un po' di continuità e professionalità, intesa come quanto lavoro dovrai metterci ogni singolo giorno. Se devi fare un esercizio 20 volte e lo fai solo 18 volte sei già indietro. Questo è ciò che abbiamo cercato di trasmettere, devi dare il 100% ogni singolo giorno. Perché se lo fai oggi nel mondo del calcio, sarai in grado di superare gli altri. E poi anche tanta passione". La voglia di tornare in campo era così forte che il giocatore aveva cercato di programmare il suo rientro per l'ultima trasferta di Sassuolo. Missione fallita? No, poichè è stata utilizzata la giusta cautela in vista proprio del ritiro di Milanello di lunedì dove il giocatore sarà regolarmente in campo con la squadra.

LEADERSHIP FONDAMENTALE - In quella che, come anticipato prima, sarà una stagione di conferme, la freddezza e l'esperienza di Kjaer saranno due ingredienti fondamentali per raffreddare gli animi dell'eccitato gruppo rossonero e per guidarlo verso nuovi obbiettivi. Il suo rientro, quindi, sarà importante non solo a livello tecnico ma soprattutto a livello caratteriale in quanto sarà il portavoce in campo dei dettami di Pioli dalla panchina. I compagni, in partita, lo guardano così come fanno con Ibrahimovic o Giroud perchè sanno che Kjer è una delle guide del gruppo rossonero. I tifosi, invece, lo ammirano perchè in lui hanno trovato non solo un giocatore affidabile ma uno dei nuovi veterani rossoneri sulla falsa riga dei grandi e storici difensori rossoneri. Il ritorno di Kjaer, quindi, è una delle grandi notizie di questo inizio di stagione a cui il Milan si approccia con la voglia di confermarsi e migliorare quanto di buono fatto negli ultimi anni.