La mossa impopolare che ha garantito la vittoria al Tardini: Pioli si inventa la difesa a cinque e il Milan non rischia più nulla

12.04.2021 14:00 di Matteo Calcagni Twitter:    vedi letture
La mossa impopolare che ha garantito la vittoria al Tardini: Pioli si inventa la difesa a cinque e il Milan non rischia più nulla
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Minuto 78 di Parma-Milan. Stefano Pioli inserisce Gabbia per Kalulu e Krunic per Calhanoglu, dopo aver sostituito Bennacer con Meite. Non pochi, tra osservatori e tifosi, si saranno risentiti per questa scelta conservativa, con una formazione che ha assunto la forma del 5-3-1, quasi del tutto rintanata nella propria meta campo. I risultati tracciano i giudizi, ma i risultati restano lì, stampati, quindi la scelta del tecnico emiliano ha pagato e favorito la vittoria rossonera dopo l'espulsione di Zlatan Ibrahimovic.

LA MOSSA DI PIOLI - Dopo l'ingresso in campo di Gabbia, il Milan ha guadagnato centimetri nella sua area di rigore, riuscendo a contrastare meglio il binomio Pellé-Cornelius. Il gol del Parma è arrivato proprio per tale ragione: i rossoneri, mal posizionati e in inferiorità numerica, hanno permesso all'ex Shandong Luneng di staccare in totale libertà sul lancio di Kucka e mettere in mezzo per Gagliolo. Questa situazione, dopo che i rossoneri si sono messi a cinque, non si è più verificata, nonostante i vari tentativi dei crociati di trovare la via del pareggio. Parlare col senno del poi è sempre agevole e furbo, ma il finale della gara, piuttosto tranquillo ad eccezione dell'ansia generale della tifoseria, certifica che Pioli abbia azzeccato appieno la scelta.

IL PESO DI UN CARTELLINO - Il rosso ad Ibra avrebbe potuto causare una serie di reazioni a catena terribili. A prescindere dalla squalifica, figlia di un probabile misunderstanding, il Milan avrebbe potuto non vincere una gara che sembrava già in cassaforte, con conseguenze devastanti sul finale di stagione rossonero. La lotta Champions League è ancora apertissima e tutta da giocare, ma con due (o tre) punti in meno, le speranze del Diavolo si sarebbero ridotte di tanto, così come l'entusiasmo, elemento fondamentale in vista delle prossime gare.