Milan-Lazio, è ora di fare sul serio: come arrivano le due squadre al big-match

10.09.2021 14:00 di Antonio Tiziano Palmieri   vedi letture
Milan-Lazio, è ora di fare sul serio: come arrivano le due squadre al big-match
MilanNews.it
© foto di Image Sport

Due partite giocate e sei punti conquistati. È questa la classifica con cui Milan e Lazio arrivano al big match di domenica pomeriggio. I rossoneri di Stefano Pioli, forti delle vittorie contro Sampdoria e Cagliari, hanno realizzato 5 gol e ne hanno incassato 1, mentre i biancocelesti di Maurizio Sarri hanno segnato 9 gol e ne hanno subiti 2, battendo Empoli e Spezia. È solo la terza di 38 giornate che si preannunciano tutte interessanti e piene di spunti, ma questo Milan-Lazio può essere considerato un vero e proprio scontro diretto, realisticamente per un posto in Champions League, sognando per qualcosa di più. Sì perché ad inizio stagione le distanze sono ancora minime e quindi sognare non costa nulla. In ogni caso l’obiettivo di entrambe le squadre è arrivare fra le prime 4 e garantirsi un posto in Champions League per la prossima stagione.

CHI IN ATTACCO NEL MILAN

Da Milanello ancora non filtrano notizie precise su chi sarà l’attaccante del Milan contro i capitolini dato che Olivier Giroud è ai box causa Covid-19. Pioli e Zlatan Ibrahimovic avrebbero concordato un certo minutaggio per il match di domenica, per poi essere certamente titolare nella sfida infrasettimanale in Champions League contro il Liverpool. Resta ora da vedere se lo svedese verrà utilizzato dal primo minuto o a gara in corso. In caso di non utilizzo di Ibra, dal primo minuto potrebbe esserci Ante Rebic davanti. Il modulo sarà lo stesso, il 4-2-3-1, con i tre trequartisti: Alexis Saelemaekers è in ballottaggio con Alessandro Florenzi per un posto sulla destra, Brahim Diaz in mezzo e Rafael Leao a sinistra.

GLI AVVERSARI

Tanti erano i dubbi per Sarri nei giorni scorsi, ma piano piano gli acciaccati stanno recuperando. Ciro Immobile e Manuel Lazzari dovrebbero farcela. Il 4-3-3 è un dogma per l’ex tecnico di Juventus e Napoli, che punterà sulla qualità di Pedro e Felipe Anderson sulle ali in attacco. A centrocampo il ‘mago’ Luis Alberto avrà il compito di innescare la manovra offensiva della sua squadra. Una sfida importante che arriva alla terza giornata. Ovviamente nulla di decisivo qualunque sia il risultato, ma delle indicazioni importante da questa gara si potranno ricavare certamente.