Storia di un rinforzo a centrocampo. Palla allo scouting per un Saelemaekers bis

27.12.2020 16:00 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Storia di un rinforzo a centrocampo. Palla allo scouting per un Saelemaekers bis

Difensore, centrocampista ed attaccante. Questa la scala delle priorità in vista del mercato di gennaio, con assoluta precedenza al centrale, con il nome di Simakan che sembra ogni giorno più vicino ai colori rossoneri. Non a caso, nell'ultima finestra estiva/autunnale, il club aveva provato fino all'ultimo ad affondare per il francese, a dimostrazione che ritenesse utile rinforzare questo ruolo già i mesi scorsi. Stefano Pioli ha sfoderato Kalulu dal cilindro, Gabbia ha dimostrato di essere un difensore affidabile, ma evidentemente in casa rossonera si vuole effettuare uno step definitivo, andando a blindare il reparto anche in ottica futura. Va sempre ricordato che Musacchio è sul passo d'addio, discorso simile per Duarte, scavalcato anche da un neo-esordiente adattato dalla corsia destra. Non proprio un'iniezione di fiducia.

NECESSITÀ NUMERICA - Se l'acquisto di un centrale è "cosa buona e giusta", la stessa attenzione, e forse anche di più, andrebbe rivolta al centrocampista centrale. Il Milan sta lavorando anche su questo profilo, anche se con meno apprensione, non tanto per un discorso di necessità ma di spessore del profilo. Se in difesa ci sono sei potenziali centrali, in mediana gli elementi sono solo quattro, con Krunic schierato da fuori ruolo. Basta una squalifica abbinata ad un problema fisico, come contro la Lazio, per far sì che in panchina non ci siano uomini a disposizione. Maldini e Massara forse ci hanno visto bene a non svenarsi per Bakayoko, fatto sta che nelle prossime settimane bisognerà trovare una soluzione per rimpolpare la zona intermedia.

LOW COST - La stampa continua a fare il nome di Soumaré, cercato anche in estate. Eppure, come è facile intuire, andare ad investire altri 20/30 milioni dopo aver comprato Tonali non sembra la migliore delle mosse. Con Kessie, Bennacer e Tonali il Milan è ben coperto per quanto riguarda i titolari, quasi per nulla fornito invece sulle alternative. È quindi più probabile che il club rossonero si tuffi su un profilo alla Saelemaekers, un giocatore giovane e poco conosciuto a prezzo relativamente basso. Palla quindi allo scouting, perché se il Diavolo azzeccasse il colpo, anche la mediana sarebbe a posto chissà per quanto, senza necessità di ingaggiare "vecchie" glorie con stipendi da capogiro.