Theo Hernandez, gol da cineteca che lancia il Milan: l'asse con Leao è sempre più forte

16.05.2022 14:00 di Antonio Tiziano Palmieri   vedi letture
Theo Hernandez, gol da cineteca che lancia il Milan: l'asse con Leao è sempre più forte
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Ci voleva un gol così per spazzare via tutte le critiche che Theo Hernandez aveva ricevuto negli ultimi 4 mesi in cui non aveva trovato la via del gol. Un gol da cineteca, da favola, un coast to coast che ha ricordato quello di George Weah dell’8 settembre 1996 contro il Verona. Milan-Atalanta finisce 2-0 con Theo che ancora una volta risulta essere fra i migliori – se non proprio l’MVP – in campo. Il francese, giunto già a quota 20 gol con il Milan in 121 presenze complessive, è un terzino moderno, cresciuto molto in fase difensiva e sempre devastante sulla corsia mancina quando decide di fare male agli avversari di turno. Paolo Maldini, Stefano Pioli e tutto il popolo rossonero si tengono stretto a suon di coccole un terzino dal valore ormai triplicato rispetto ai 20 milioni che fu pagato nell’estate 2019 quando è arrivato al Diavolo dal Real Madrid. La sua straordinaria rete ha chiuso i giochi contro l'Atalanta e ha fatto letteralmente esplodere San Siro. In caso di scudetto rossonero, questo gol diventerà sicuramente l’icona della stagione rossonera.

IN COPPIA CON LEAO

L’altro mattatore del Milan di ieri è stato Rafael Leao. Il portoghese ha raccolto un lancio di Junior Messias e ha aperto le danze battendo Juan Musso. Per l’ennesima volta la squadra di Pioli si dimostra fortissima sulla fascia sinistra. Rafa e Theo due fenomeni rispettivamente di 23 e 25 anni stanno infiammando il tifo rossonero a suon di gol, assist e giocate prelibate. La vittoria dell’Inter a Cagliari ha rimandato il verdetto finale sul campionato. Tutto si deciderà all’ultima giornata in cui il Milan farà visita al Sassuolo. Il sogno per il Milan continua. Sogno iniziato il 9 ottobre 2019 quando Pioli ha preso in mano il Diavolo e ha iniziato a far crescere gli allora baby fenomeni Leao ed Hernandez.