Tomori-Romagnoli-Kjaer: la difesa del Milan è un punto di forza pur cambiando gli interpreti

13.09.2021 16:00 di Antonio Tiziano Palmieri   vedi letture
Tomori-Romagnoli-Kjaer: la difesa del Milan è un punto di forza pur cambiando gli interpreti
MilanNews.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Per la seconda volta in tre partite disputate in questa Serie A, il Milan ha mantenuto la porta inviolata. Dopo i primi tre match disputati i rossoneri di Stefano Pioli risultano essere la miglior retroguardia del torneo con una sola rete al passivo (quella di Alessandro Deiola in Milan-Cagliari). È ancora presto per tracciare dei bilanci vero, però delle indicazioni positive la società rossonera può trarle.

TRE CENTRALI DIFENSIVI DI OTTIMO LIVELLO

Nelle prime due giornate i titolari in difesa sono stati Simon Kjaer e Fikayo Tomori, mentre ieri con il francese, ha giocato Alessio Romagnoli. Pur cambiando gli interpreti, il reparto arretrato resta un punto di forza del Milan. Il merito va non sono ai tre appena citati, che sono sicuramente tutti difensori di alto livello, ma anche al resto della squadra, che supporta Tomori, Romagnoli e Kjaer nel proteggere la porta. Le caratteristiche dei tre si sposano perfettamente fra loro: esperienza, forza fisica, velocità, bravura nei colpi di testa e proprietà di palleggio non mancano. Come alternativa e nel ruolo di quarto difensore centrale troviamo Matteo Gabbia. Menzioni positive ne meritano anche Davide Calabria e Theo Hernandez che sono migliorati in fasi difensiva. I due terzini per ora stanno svolgendo al meglio il loro compito che non è solo quello di fare male agli avversari, ma è anche quello di proteggere la parte laterale della difesa rossonera. Poi bisogna parlare di Sandro Tonali, enormemente cresciuto rispetto alla passata stagione. Tonali è diventato un leader in campo in grado sia impostare che rompere il gioco degli antagonisti.

LA PAURA DEL DOPO DONNARUMMA È PASSATA

Dopo l’addio di Gianluigi Donnarumma, fra qualche tifoso milanista, serpeggiava un po’ di timore per chi fosse stato il suo successore. Questo stato d’animo però è subito passato dato che il rendimento di Mike Maignan sta accontentando tutti. Il portiere francese sta garantendo sicurezza a tutta la squadra e non sta facendo rimpiangere Gigio. La fase difensiva della squadra di Pioli per ora è ottima, e nella Serie A italiana si sa che chi subisce meno gol spesso e volentieri raggiunge gli obiettivi stagionali. Bisogna continuare così e non perdere la concentrazione che tutti stanno avendo in questo periodo.