Una dirigenza paziente che sa dove operare: Maldini e Massara sereni su obiettivi e mercato

19.07.2019 19:00 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Una dirigenza paziente che sa dove operare: Maldini e Massara sereni su obiettivi e mercato

"Non lo abbiamo mai trattato. Cerchiamo profili giovani e forti e profili di esperienza che li facciano crescere. Un profilo come Modric sarebbe perfetto, ma non lo abbiamo mai trattato". Paolo Maldini, intervenuto durante la conferenza di presentazione di Krunic e Theo Hernandez, ha stoppato immediatamente la suggestione Modric, sottolineando però che il Milan non ha soltanto bisogno di giovani, ma anche di profili simili a quello del croato per far crescere il gruppo. Il problema, nel caso del campione del Real Madrid, è l'eccessivo ingaggio che andrebbe a pesare in maniera incredibile su un bilancio che, a causa di anni di investimenti errati e spese non necessarie, ha portato il club a dover rinunciare all'Europa League per raggiungere un raccordo con la UEFA.

GLI OBIETTIVI - Il direttore tecnico rossonero, interrogato sulle prossime mosse di mercato, si è espresso in questa maniera: "Abbiamo delle necessità in alcuni ruoli. Se cerchi profili di qualità, sono molto costosi. Abbiamo tanti giocatori sott'occhio, forti, con caratteristiche diverse. Non dobbiamo avere fretta per cercare di sbagliare il meno possibile. Ironie? Lasciamole così. I giocatori buoni ci sono in squadre retrocesse o in campionati non di altissimo livello". Maldini ha fatto anche riferimento al centrocampo, reparto dove ha individuato maggior necessità di intervenire, vista la partenza di quattro elementi per fine contratto e fine prestito. E' arrivato Krunic, arriverà probabilmente Bennacer e verosimilmente un altro calciatore.

LA PAZIENZA - "E' normale che all'inizio del mercato i prezzi siano pieni e che più avanti si abbassino. L'idea è quella di far felice il mister, i tifosi, noi dirigenti e la proprietà. Dobbiamo fare le cose sbagliando il meno possibile. Tanti giocatori ci hanno lasciato a fine contratto e anche a livello numerico dobbiamo intervenire" ha detto Maldini, non volevo cedere ai prezzi (folli) che si sentono in queste ore. Un esempio lampante è quello dei difensori centrali accostati al Milan: i rossoneri hanno sì l'esigenza di aggiungere un terzo elemento a Musacchio e Romagnoli, ma non andranno a strapagare questo giocatore, consci che prima o poi Caldara tornerà a disposizione. Ci sarà spazio e tempo per intervenire e in questo senso il ds Massara è stato molto chiaro: "Il mercato è lungo ed è fatto anche di opportunità in entrata e in uscita, sono tutte le valutazioni che faremo. Non vi preoccupate che sappiamo bene di cosa abbiamo bisogno, ci confrontiamo ogni giorno con il tecnico. Questa squadra è già competitiva. Faremo acquisti mirati, saremo pronti a cogliere tutte le opportunità per rinforzare davvero in modo funzionale la squadra".