Kalulu gioca da grande e sogna in grande. E ha voglia di farlo con il Milan: presto il rinnovo

22.09.2022 08:00 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
Kalulu gioca da grande e sogna in grande. E ha voglia di farlo con il Milan: presto il rinnovo
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Tra le tante sorprese del Milan Scudettato della passata stagione e tra le tante certezze del Milan Campione d'Italia in carica di quest'anno vi è (anche) Pierre Kalulu, difensore centrale classe 2000 diventato ormai un titolare fisso della formazione di Stefano Pioli.

Ambizione
Arrivato due estati fa dal Lione per le cosiddette spese di formazione da 480mila euro circa, Kalulu era un terzino che non aveva alcuna presenza tra i professionisti. Crescendo con calma, allenandosi con costanza e 'sfruttando' i problemi avuti dai colleghi di reparto, si è imposto da titolare del Milan e la concorrenza di Tomori, Kjaer e Thiaw è più di uno stimolo: "La concorrenza - ha dichiarato il numero 20 a La Gazzetta dello Sport - fa sempre bene. Ne abbiamo bisogno. Più ce n’è meglio è, per tutti. E al Milan non c’è ambiguità: tutti diamo il massimo per la squadra". D'altronde, per imporsi nel Milan a questa età senza sentire la pressione c'è bisogno di tantissima personalità e di tantissima ambizione: "Il mio scopo è garantire all’allenatore massima polivalenza e massima qualità per entrambi i ruoli. Se vado in campo è per essere il migliore, da terzino o centrale poco importa. Ho fiducia nelle mie capacità, ma è necessario lavorare duro ogni giorno per coltivarle, e gestire al meglio pressione e emozioni che vivi in campo.

Presto il rinnovo
Il suo modo di essere e di giocare, dunque, corrisponde a pieno a quello che è il diktato societario sulla rosa rossonera: giovane, ambizioso, disponibile, di talento, forte. Per Kalulu, infatti, sarebbe pronto il prolungamento fino al 2026 con aumento dell'ingaggio, il quale dovrebbe presto passare dai 500mila euro attuali a circa 1,5 più bonus: "Se tutto va bene - ha concluso il francese alla Rosea - come adesso, che si vince, che gioco da titolare, c’è solo voglia di continuare. Ma del contratto ci sarà modo di parlarne con i dirigenti".