Mercato, vietato sbagliare: trequartista ed esterno. Troppa lentezza sul rinnovo di Kessie

15.08.2021 00:00 di Andrea Longoni Twitter:    vedi letture
Mercato, vietato sbagliare: trequartista ed esterno. Troppa lentezza sul rinnovo di Kessie
MilanNews.it

Poco più di due settimane alla chiusura del calciomercato, saranno i giorni più importanti, quelli che decideranno il valore dell'intera campagna acquisti, considerato che mancano ancora le pedine forse più importanti come il trequartista e l'esterno di destra in grado di fare gol. Il tifoso milanista, mediamente, è in ebollizione e attende con ansia che la rosa venga completata come si deve. E' troppo importante consegnare a Pioli un gruppo completo e soprattutto ricco di qualità, la parola d'ordine nella prima conferenza stampa al raduno. C'è chi ha paura che alla fine non arriveranno altri innesti sulla trequarti e si punterà solo su Brahim Diaz: sarebbe un grave errore.

Lo spagnolo sicuramente sarà un'arma importantissima, ma in quella posizione serve un titolare che abbia già dimestichezza nell'interpretare la posizione, cruciale per la squadra di Pioli. Sarebbe un controsenso aver investito 5 milioni per una riserva come Ballo-Tourè e forse una decina anche per un'altra alternativa come Adlì, e non avere poi le risorse per le vere necessità. Per questo bisogna aspettare ancora qualche giorno e, per forza di cose, finalmente conosceremo il volto del nuovo trequartista e, si spera, anche dell'esterno. Il sogno (per il centro o sulla destra) è sempre stato Ziyech, ma dopo un precampionato da protagonista in Blues sembra difficile poter immaginare il marocchino così facilmente in uscita dal Chelsea: la dirigenza comunque non è rassegnata. Verrà fatto un altro tentativo per Vlasic, che vuole lasciare il Cska e sogna il Milan. Il suo arrivo sarebbe compatibile con un esterno magari dall'ingaggio pesante: Mendes spinge per James Rodriguez, mentre sullo sfondo rimane Ilicic, nonostante le indiscrezioni che filtrano da Bergamo (con l'Atalanta che prova a riacquisire potere nell'eventuale cessione dello sloveno).

Se si può capire l'attendismo per gli ultimi colpi, in attesa che prezzi e formule cambino, è poco logica invece la costante lentezza sul tema rinnovo Kessie. La firma non è in discussione, ma dopo il rientro in Italia dell'ivoriano con un po' più di decisione si sarebbe potuti già arrivare all'ufficialità. Invece ne passeranno di altri. In settimana ci sarà un ulteriore incontro con Atangana e magari non sarà neanche l'ultimissimo. Vero è che l'importante è arrivare al traguardo, ma non si può dimenticare che i tifosi hanno vissuto un inizio di estate particolare e questa attesa è diventata snervante: non oggi ma da tante settimane ormai.