Bilancio straordinario in negativo. Mercato di occasioni e fantasia. Auguri a tutti sperando che…

24.12.2021 00:00 di Luca Serafini Twitter:    vedi letture
Bilancio straordinario in negativo. Mercato di occasioni e fantasia. Auguri a tutti sperando che…
MilanNews.it

Terzo girone consecutivo da una quarantina di punti (ma senza vincere niente). Terzo girone consecutivo sempre sul podio dalla prima all’ultima giornata, in totale 57 (ma una volta terzi e una quarti). Record di vittorie in trasferta, partite consecutive in gol, partenza storica (ma, ancora, senza aver vinto nulla). Si chiude l’andata 2021-22 al 2. posto con la terza a 3 punti, la quarta a 5 e la quinta a 8. Ma, infine e una volta x tutte, il Milan ancora non ha vinto nessun trofeo. 

In effetti ho chiesto a Pioli in diretta, nel dopo partita di Empoli, se fosse più soddisfatto o se avesse più rimpianti. La sua pausa di qualche secondo prima di rispondere equivaleva già a uno stato d’animo, poi confermato: “In effetti speravo di avere qualche punto in più”. Del resto, dove non arrivano i demeriti dei rossoneri (Fiorentina, Sassuolo, Udinese: un’emorragia da 8 punti) arrivano le fantasie arbitrali (Atalanta, Roma, soprattutto Napoli). Quindi sono d’accordo con le numerosissime cassandre sparse in una tifoseria per il resto meravigliosa: il bilancio di questa andata, nonostante tutto, è in saldo negativo. 

Quelli come me che da 1 anno e mezzo hanno smesso di guardare le spalle in classifica, puntando solo al vertice, non possono essere soddisfatti - con la tara delle assenze - dell’atteggiamento in alcune gare che ha fatto dilapidare un margine sull’Inter poi addirittura rovesciato. Ribadisco che in una cosa i nerazzurri sono certamente superiori: nella determinazione nell’inseguire il risultato con le meno forti. Fa differenza, perché nonostante la superiorità del Milan nella piccola classifica degli scontri diretti, oggi il divario è di 4 punti. Che stanno nei confronti con Fiorentina, Sassuolo e Udinese: quelle gare l’Inter le ha vinte. 

Da gennaio, fatta eccezione per la Coppa Italia, il Milan gioca una volta la settimana e (forse) recupera qualcuno. La marcia deve tornare ad essere spedita, sicura, rabbiosa. Solo così si sopperisce ai blackout di gioco e alle sviste arbitrali, alle proprie lacune e a quelle altrui. 

Il mercato offrirà occasioni e opportunità che andranno parametrate a necessità oggettive. Bisogna avere fantasia, quella - per intenderci - che nelle ultime stagioni ha portato Ibra, Kjaer, Saelemakers, Tomori. 

Con il cuore in disordine per la situazione che stiamo ancora attraversando, tra mascherine, decreti, inquietudini e incertezze, auguro a tutti un Natale sereno e un 2022 molto diverso dagli ultimi 2 anni che abbiamo alle spalle.