ESCLUSIVA MN - Ag. Paquetà: "Impatto meraviglioso, Leo il grande regista. Gattuso? Primo responsabile del suo adattamento veloce"

06.03.2019 11:42 di Antonio Vitiello Twitter:    Vedi letture
Fonte: Intervista di Antonio Vitiello
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
ESCLUSIVA MN - Ag. Paquetà: "Impatto meraviglioso, Leo il grande regista. Gattuso? Primo responsabile del suo adattamento veloce"

Lucas Paquetà è già diventato un idolo per i tifosi del Milan. L’adattamento del centrocampista brasiliano alla squadra è stato sorprendentemente rapido, così la redazione di MilanNews.it ne ha parlato con il suo agente Eduardo Uram.

Com'è stato l'impatto di Paquetà con il Milan? 

“É stato un impatto meraviglioso, sia con la nuova società che con la città, sin da quando è venuto a dicembre per conoscere il club  e scegliere casa. E’ davvero felice di ciò che sta vivendo in rossonero”.

Gattuso l'ha sempre messo in campo fin dal primo giorno, c'è grande feeling con il mister?

“Credo che Gattuso sia il primo responsabile per questo adattamento veloce, lo sta facendo crescere tatticamente nella fase difensiva, ma lo stesso tempo lo lascia un po’ libero nella fase offensiva”. 

Ci racconta com'è andata la trattativa?

“Leonardo è stato il grande regista dell’operazione. Con la sua intuizione ha dimostrato di avere subito fiducia nel giocatore, ma non solo Leo devo dire, anche Paolo Maldini e tutto il club era convinto di fare questo investimento, così dopo qualche incontro abbiamo chiuso”. 

Cosa vuol dire il Milan per Paquetà? Lui che ha avuto come idolo Kaka...

“Kaka è realmente il suo idolo, ma credo che lui non voglia essere Kakà, ma avere un proprio cammino. Paquetà cercherà ovviamente di seguire l’esempio di Ricardo, sia come professionista che come persona”.  

Pensa che Paquetà potrebbe giocare più vicino alla porta e segnare di più?

Penso che suo merito principale sia la capacità di adattarsi facilmente a qualsiasi posizione, e ovviamente giocando più avanti si adatterebbe alla scelta tattica di mister Gattuso. Ma come sempre è l’allenatore che sa meglio di chiunque altro dove schierarlo, sia per il suo bene che per quello del Milan. Le cose stanno andando per il verso giusto e siamo felici di questo”.

di Antonio Vitiello