ESCLUSIVA MN - Braglia: "Ibra fondamentale a livello emotivo. Leao? Ha un avvenire radioso. Gigio è tornato top"

07.02.2020 16:30 di Gianluigi Torre Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
ESCLUSIVA MN - Braglia: "Ibra fondamentale a livello emotivo. Leao? Ha un avvenire radioso. Gigio è tornato top"

In vista del Derby della Madonnina, la redazione di MilanNews.it ha contatto Simone Braglia. Con l'ex portiere rossonero abbiamo parlato dell'attuale momento di forma del Milan, della big match contro l'Inter, di Donnarumma e di Zlatan Ibrahimovic. Qui potete trovare le sue parole in esclusiva.

Situazione Ibrahimovic: col Verona non c'era e si è sentita la mancanza. Come sarà un derby con Zlatan invece?

"Penso che il fattore Ibrahimovic sia influente ai fini di una prestazione non come quella di Verona e credo che Ibra non fa squadra, però a livello emotivo mette quel qualcosa in più che con il Verona non c'era."

Sempre capitolo Ibra: è stato sbagliato non acquistare un sostituto dopo la cessione di Piatek?

"Credo che ci sarebbero tantissimi giocatori da acquistare finchè ridiventi il Milan. Il problema di fondo è che non ci sono le disponibilità economiche che servono per fare quel salto di qualità che il blasone merita. "

Come vedi la coppia Ibrahimovic-Leao? 

"Leao è un giocatore dall'avvenire radioso e credo anche l'abbia dimostrato; è un giovane e bisogna dare tempo ai giovani di acquisire la mentalità dei grandi palcoscenici come quelli di San Siro, perché non è facile calarsi in questa realtà e non è facile supportare sulle spalle il blasone della maglia."

Come vedi la stagione di Donnarumma?

"Donnarumma è tornato il Donnarumma dei primi periodi, l'involuzione che aveva  credo che era indotta da punto di vista mediatico e da coloro che lo gestivano e sia dal punto di vista al di fuori del campo che in campo. Non è semplice, come detto prima su Leao, supportare sulle spalle il blasone della maglia"

Come vedi il derby?

"Nei derby le squadre favorite rischiano di soccombere se sottovalutano la partita o peccano di concentrazione. Non credo che la squadra di Conte sottovaluti una partita così importante, dato che è un allenatore che usa come arma il carisma per vincere."