“Caro 2021”: il 2020 e le speranze future del Milan femminile

31.12.2020 19:20 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
“Caro 2021”: il 2020 e le speranze future del Milan femminile

Caro 2021,

ti aspetta un compito non facile, hai molta pressione addosso. Il tuo predecessore ha commesso tanti errori, ha reso la vita difficile alla gente con terribili avvenimenti. Tuttavia il 2020 ha però fatto qualcosa di positivo, dando molte soddisfazioni ai tifosi rossoneri. Infatti sia la squadra di Pioli che il Milan femminile sono stati protagonisti di un’annata strepitosa, chiudendo i rispettivi campionati al primo e secondo posto: en plein sfiorato. E pensare che per le ragazze allenate da Ganz il finale della stagione 2019/20 era stato drammatico. Tra Gennaio e Febbraio le rossonere, grazie alle rimonte contro la Roma e nel derby con l’Inter, oltre ai successi esterni con Tavagnacco ed Orobica, erano salite sul secondo gradino del podio a pari merito con la Fiorentina. Ma alla vigilia dello scontro diretto con la Viola, la Lega ha annunciato la sospensione del campionato femminile causa Covid-19, con il conseguente congelamento della classifica. Il verdetto è amarissimo: Fiorentina seconda per migliore differenza reti, Milan terzo e fuori dalla Champions League.

“Non giudicatemi per i miei successi ma per tutte quelle volte che sono caduto e sono riuscito a rialzarmi.” diceva Nelson Mandela. E allora la squadra di Ganz, come tutta la popolazione italiana e mondiale, ha provato a reagire nel post-lockdown. I risultati sono stati magnifici: fino alla sosta natalizia, il Diavolo ha collezionato 11 successi in 12 partite in tutte le competizioni, vincendo il girone di Coppa Italia e chiudendo al 2° posto il girone d’andata in Serie A. L’unico passo falso rimane la sconfitta con la Juve, ma quel 5 ottobre verrà ricordato con gioia come la data della prima partita di calcio femminile disputata a San Siro. Alla fine cosa importa se un rigore di Girelli ha lasciato le padrone di casa senza punti?

Caro 2021, in primo luogo l’augurio è che tu riporti serenità alla gente, che non sarebbe affatto banale. Poi sarebbe magico se il Milan femminile riuscisse a qualificarsi per la prima volta nella sua Storia in Champions League. Infine, lasciando le speranze e parlando di sogni, si potrebbe iniziare a parlare di Scudetto, quel traguardo innominabile che però, con la squadra di Ganz lì a -3 dalla Juventus, non sembra così lontano. Tutti questi obiettivi apparirebbero più semplici se il Diavolo cominciasse l’anno al meglio, magari con un trofeo. Ovviamente si parla della Supercoppa Italiana, con cui si aprirà il 2021.

Le richieste forse sono troppe, ma come detto, 2021, hai tante responsabilità. Non ci deludere.

A presto,

Giovanni Picchi