LA LETTERA DEL TIFOSO: "Dalla Bulgaria a San Siro" di Miroslav

11.05.2020 20:00 di Thomas Rolfi Twitter:    Vedi letture
Fonte: scrivi a laletteradeltifoso@milannews.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
LA LETTERA DEL TIFOSO: "Dalla Bulgaria a San Siro" di Miroslav

Ciao redattori di MilanNews.it, grazie per il meraviglioso lavoro che fate.

Ciao fan del più grande club. Mi chiamo Miroslav e vengo dalla Bulgaria. Ci sono molti fan di Milan qui, abbiamo un fan club ufficiale che è nato in uno degli anni più difficili per il nostro team.
Uno dei miei sogni era di andare a Milano ed è diventato realtà l'anno scorso. Ho deciso di partecipare alla partita con il Brescia alla fine di agosto. Ho prenotato una camera presso l'hotel proprio accanto allo stadio, insistendo sul fatto che la mia camera si affacciasse su San Siro. Siccome ho paura di volare (sì, lo so, lo so), ho viaggiato in autobus. Con lui ho raggiunto Bologna, da dove ho preso un treno per Milano. Voglio sottolineare che avete dei treni fantastici in Italia.
Quando scesi dalla metropolitana alla stazione di San Siro, la mia adrenalina iniziò a salire molto. Quando sono uscito dalla stazione della metropolitana e ho visto il leggendario San Siro, ho avuto la sensazione di sognare. Ho sorriso e il sorriso non mi ha mai lasciato il viso per 1 ora. La prima cosa che ho fatto dopo il check-in in hotel è stata andare a Casa Milan per acquistare un biglietto per la partita. Purtroppo era già chiuso. Sapevo che probabilmente lo stadio non sarebbe stato pieno fino all'orlo, ma avevo comunque paura che finissero i biglietti.

Pertanto, la mattina dopo sono andato molto presto per un biglietto ed era uno dei primi in fila al botteghino. Ho comprato anche una carta Cuore Rossonero. La mia eccitazione è stata enorme ed è stato così per tutti e 5 i giorni in cui sono stato a Milano. Ho visitato il Museo di Casa Milan e il Museo di San Siro. Ho camminato per lo stadio, lo spogliatoio, mi sono seduto lì e ho immaginato quali giocatori, quali personalità erano lì e quali momenti hanno vissuto. Il momento è stato davvero speciale. Il giorno della partita sono andato allo stadio e ho visto persone provenienti da tutto il mondo andare allo stadio, vestite con i colori rossoneri. Mi sentivo orgoglioso. Sono stato uno dei primi ad entrare nello stadio, quasi due ore prima dell'inizio della partita. Volevo sentire l'atmosfera, guardare il riscaldamento dei giocatori. Una ragazza locale con la maglia di Cutrone ha attirato la mia attenzione per pochi secondi. Ero al centro del settore rosso accanto ai giornalisti. Bonera mi ha superato. Ho trascorso diverse ore meravigliose e il gol di Calhanoglu mi ha portato la gioia della vittoria. Ho lasciato lo stadio circa 1 ora dopo la fine della partita, sono stato uno degli ultimi.

La sera prima di partire, ho salutato San Siro, non c'era nessuno. Eravamo solo io e lui e la sensazione era indescrivibile. Volevo tornare di nuovo quest'anno, ma a causa delle circostanze, ciò non è potuto accadere. Chiunque viva a Milano o in altri luoghi in Italia e abbia l'opportunità di andare alle partite del Milan è fortunato. So che il periodo è difficile, ma siamo fan della più grande squadra del mondo e chi non lo capisce non lo merita. Saluti e Forza Milan!

Miroslav

----------------------------

MilanNews.it concede ampio spazio ai propri lettori. In attesa che ci siano le condizioni per ripartire con il calcio giocato, la nostra redazione vi dà la possibilità di essere partecipi e protagonisti con 'La Lettera del Tifoso': raccontateci la partita del Milan a cui siete più legati, che ha significato di più per voi. Svelateci come avete vissuto quei momenti, dove eravate, con chi, se avevate eventuali riti scaramantici. Libero spazio alle vostre storie, quelle più interessanti verranno pubblicate sul nostro portale!

Cosa aspettate? Scriveteci a: laletteradeltifoso@milannews.it.