Borghi: "Kessiè potenzialmente dominante. Nel calcio italiano si deve avere coraggio di proporre, ma anche stabilità"

23.08.2019 22:02 di Luca Vendrame   Vedi letture
© foto di Image Sport
Borghi: "Kessiè potenzialmente dominante. Nel calcio italiano si deve avere coraggio di proporre, ma anche stabilità"

Stefano Borghi, telecronista di DAZN, sul proprio canale YouTube, ha parlato di Milan e di Franck Kessè: “Kessiè è uno che nel Milan ha fatto vedere tutto il ‘buono’ e tutto il ‘cattivo’ della sua figura: è un giocatore potenzialmente dominante, fisico e tecnico, che sa dare equilibrio, sa buttarsi dentro e che sa risolvere le situazioni; è stato anche rigorista e non sono pochissimi i gol disseminati dall’ivoriano nella sua esperienza rossonera. Però Kessiè sembra essere uno di quei giocatori monetizzabili per arrivare a chiudere il mercato in entrata, tant’è che stamattina in Francia si parla di una possibilità concreta con il Monaco. Forse Kessiè non è il profilo ideale nella testa di Giampaolo, con il suo centrocampo tutto tecnica, piede e impostazione. Però secondo me Kessiè è un giocatore fondamentale nel Milan, perché analizzando tutta la rosa a disposizione di Giampaolo noto un problema: è una rosa che di qualità tecnica ne ha, ma è un filino scarsa dal punto di vista fisico. E in un campionato come quello italiano ci vuole il coraggio di proporre, l’ardire di osare, una filosofia improntata all’offensiva per fare dei passi avanti a livello di movimento. Ma poi ci vuole anche quella stabilità, quella muscolarità, in grado di renderti competitivo nelle specifiche di questo campionato.”