La Giovane Italia – Gabriele Alesi, un piccolo Kakà nell’U16 rossonera

02.07.2020 17:00 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
Fonte: La Giovane Italia
La Giovane Italia – Gabriele Alesi, un piccolo Kakà nell’U16 rossonera

Il settore giovanile ha rappresentato una delle grandi soddisfazioni di casa Milan, negli anni di magra vissuti dalla prima squadra. E dalle parti del Vismara scalpita un nome nuovo da seguire, che arriva dalla Sicilia e per ruolo e movenze ricorda un grande ex rossonero.

Piaceva allo United - Gabriele Alesi è uno dei profili da tenere d’occhio per il prossimo futuro. Nato a Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani, il classe 2004 è cresciuto nella scuola calcio Adelkam di Alcamo, attirando su di sé gli occhi degli scout italiani e internazionali, vista l’incursione in terra siciliana fatta in tempi non sospetti da parte degli osservatori del Manchester United. Nell’estate 2017, però, il guizzo decisivo è stato quello del Milan, che lo ha bloccato per poi portarlo al Vismara nel gennaio 2018. E l’investimento rossonero sta dando i suoi frutti, considerate le soddisfazioni che Gabriele è riuscito a togliersi anche nel 2019/20, prima dello stop imposto dal coronavirus. Faro dell’Under 16 e promosso anche in Under 17, con la quale ha debuttato segnando e propiziando il successo contro il Pordenone, Alesi si è confermato presente in pianta stabile nel giro delle nazionali azzurre, con le quali vanta già 16 presenze e due reti.

Piccolo Kakà - Trequartista o seconda punta, che spicca per fantasia e creatività, Alesi è un diamante grezzo che però lancia già riflessi di primissimo livello. Facilità di dribbling e capacità balistiche sono degne di nota, così come le sue giocate capaci di spaccare in due le difese avversarie, eseguite con apparente facilità. Per caratteristiche e movenze il classe 2004 fa tornare alla mente il primo Kakà, quello ancora in fase di fioritura appena arrivato in rossonero. Per poter sognare di raggiungere i livelli del brasiliano, Gabriele dovrà completare il proprio sviluppo muscolare, lavorando come sta facendo su una struttura fisica ancora in divenire, come è normale che sia vista l’età. I sani valori di una famiglia sempre presente, anche a migliaia di chilometri di distanza, la sua fame di calcio e la sua voglia di arrivare in alto fanno ben sperare. Tempo al tempo, ma il Milan già culla il pensiero di avere in casa il talento del futuro.

Scopri le schede dei talenti rossoneri sull’Almanacco 2020 

Scopri i rossoneri presenti nelle classifiche dei 16 Ranking LGI