Razzismo: Tommasi, spesso i calciatori sono le vittime

17.01.2020 07:24 di Matteo Calcagni Twitter:    Vedi letture
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "È fondamentale essere allineati contro il razzismo e l'antisemitismo negli stadi, un tema che ci sta a cuore e del quale se ne sta parlando a livello internazionale da più mesi: purtroppo i calciatori sono spesso le vittime, sicuramente sono tutti allineati sul clima che si vuole all'interno degli stadi ma su alcune situazioni c'è quasi frustrazione perché alle parole spesso e volentieri non seguono decisioni forti". Lo ha detto il presidente dell'Associazione italiana calciatori, Damiano Tommasi, a margine dell'evento 'Un calcio al razzismo' organizzato dall'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, a Roma. "Abbiamo visto episodi anche a livello di Nazionali: è un tema che ci dobbiamo affrontare con argomenti concreti e di soluzione - ha proseguito il numero uno dell'Aic - In queste situazioni si riesce ad esprimere concetti con parole ma difficilmente si trovano soluzioni concrete. Anche in Italia qualche società è riuscita a dare risposte concrete e forti, ma ci sono tante azioni che si potrebbero fare e che, se coordinate, possono dare qualche frutto vista anche la sensibilità dimostrata negli ultimi tempi da più parti". Tommasi si è soffermato anche sull'episodio avvenuto ieri in Fiorentina-Atalanta di Coppa Italia con gli insulti del pubblico all'allenatore atalantino Gasperini: "Quello che è avvenuto ieri è emblematico, è un lavoro lungo, complesso, a cominciare dalle famiglie e dalle scuole. Il linguaggio educato forse non è più di moda, ma è una delle chiavi", ha concluso Tommasi. (ANSA).