Ristrutturazione San Siro, il progetto dell'architetto Mascheroni: "Tre anni di lavori, servono 200-250 mln"

28.10.2019 12:25 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
Ristrutturazione San Siro, il progetto dell'architetto Mascheroni: "Tre anni di lavori, servono 200-250 mln"
MilanNews.it

Milan e Inter vorrebbero demolirlo dopo aver costruito il nuovo stadio, ma secondo Jacopo Mascheroni dello studio d’architettura milanese "Jma" la ristrutturazione di San Siro è possibile: "Si può fare, servirebbero 200-250 milioni di euro e tre anni di lavori - ha spiegato al Corriere della Sera (ed. Milano) -. Il fatto che il Meazza sia costruito con anelli indipendenti tra loro aiuta: basterebbe chiudere qualche settore alla volta per procedere in tutta sicurezza, riducendo la capienza a 45mila posti. La prefabbricazione delle componenti del progetto permetterà di ridurre i tempi". Il quotidiano spiega poi quale sarebbe il risultato finale: "Il risultato sarebbe un’arena da 62mila posti, più bassa, con le storiche linee sinuose delle rampe rivestite, risagomate e accentuate dalla scomparsa di terzo anello, torri e tralicci. La nuova copertura sfaccettata servirà a contenere l’inquinamento sonoro all’esterno, e migliorare il comfort acustico all’interno. Il primo passo è la costruzione dell’'anello zero': tremila posti premium (in totale il progetto ne conta 9.500) a bordo campo, ottenuti abbassando di due metri il terreno di gioco. I servizi che oggi mancano sarebbero ricavati nei vuoti presenti nei due anelli superstiti, attraverso nuovi solai prefabbricati dove inserire gli spazi di hospitality, food&beverage, i bagni. I tornelli saranno inglobati nel terzo anello esterno: un disco 'verde' attorno allo stadio, in parte sotterraneo, che ospiterà i parcheggi, negozi e tutto quello che fa gola ai club e potrà intrattenere i tifosi. Le travi reticolari rosse verrebbero riciclate nella nuova piazza: saranno un doppio 'portale' che disegnerà il boulevard che porta al metrò. Infine, capitolo ecosostenibilità: verde 'profondo', come chiesto dai residenti, aree a parco, impianto geotermico, sistema di raccolta dell’acqua piovana, luci led e accorgimenti energetici".