TMW - Segnare, crossare, difendere. In that order. Così Hernandez sembra Bale

10.12.2019 07:12 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Marco Conterio per TMW
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
TMW - Segnare, crossare, difendere. In that order. Così Hernandez sembra Bale

Che suoni come un elogio, come uno sprone o come serrata critica, e l'una nel caso non esclude l'altra, Theo Hernandez si sbrighi a capire che per lui può presto spalancarsi un futuro alla Gareth Bale. Il presente lo è già, almeno nelle priorità. Traslando lo striscione del gallese, che tanto ha fatto adirare la Madrid bianca, per Theò con l'accento sulla ò sono "segnare, crossare, dribblare, difendere. In That Order". A quattro reti è il capocannoniere stagionale del Milan ed è certo che oltre a essere un buon alloro per lui, è più che altro una scure sul rendimento degli avanti milanisti. Però è significativo della sua propensione e atteggiamento, Hernandez come terzino di spinta e di poco contenimento. La gara contro il Bologna è la fotografia del giocatore attuale. Fenomenale in fase di proposizione e di costruzione, già degno dei migliori palcoscenici, ondivago per usare tenero eufemismo in quella difensiva.

Come Bale? In principio Mister 100 milioni, ora mannaia sui conti del Real Madrid, era terzino in quel di Tottenham. Poi sempre più avanti, in un baricentro spostato verso est, verso l'alba di un nuovo sogno e di un altro gol. Hernandez fa della gamba, dell'atletismo e dell'imberbe età le sue armi migliori. Finché la carta d'identità glielo permetterà, sopperirà alle lacune tattiche così, col brio e con lo sprint. Tempus fugit, però. Ha praticamente sempre giocato da terzino sinistro di grande spinta, piuttosto che da fludificante di profondo equilibrio. Ha sempre trovato allenatori da difesa a quattro, inevitabile. La trasformazione in cursore totale, però, potrebbe essere il salto giusto per consacrarsi ed emergere. Oppure cambi le sue priorità e che quel difendere risalga presto la china.