Atalanta-Milan sfida d'alta intensità: la Champions lo conferma. Leao ago della bilancia

02.10.2021 17:00 di Antonello Gioia  Twitter:    vedi letture
Atalanta-Milan sfida d'alta intensità: la Champions lo conferma. Leao ago della bilancia
MilanNews.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La prestazione contro l'Atletico Madrid in Champions League è stata straordinaria, ma il risultato - complici alcune assurde decisioni arbitrali - non è stato quello che il Milan si sarebbe meritato. Niente paura, però: ci si può subito rifare con un altro match... da Champions League. Già, perché Atalanta-Milan è una partita che, secondo ciò che da mesi ci dice il campo, dovrebbe offrire il calcio più europeo possibile all'interno dei confini italiani.

CARATTERISTICHE SIMILI - Ritmo alto e intensità, pressing offensivo e gioco rapido, giocatori di gamba e intercambiabili nelle loro posizioni: Atalanta e Milan si assomigliano tanto nelle loro caratteristiche di squadra e nelle interpretazioni delle partite, con una mentalità (sulla carta) vincente che comporta voglia di attaccare con lucidità e di far divertire, con tutto ciò, chi assiste al match. "L'Atalanta - conferma Pioli - è una squadra forte in tutte le caratteristiche, tatticamente, tecnicamente, fisicamente; ha giocatori che possono trovare la giocata decisiva in ogni momento, anche noi abbiamo queste caratteristiche". La Champions League, tra l'altro, sta confermando questi valori: Milan e Atalanta, pur con risultati diversi fino ad ora, sono quelle che stanno meglio impressionando tra le italiane, con un gioco che piace e che, con più o meno tempo a disposizione, porterà certamente grosse soddisfazioni.

L'AGO DELLA BILANCIA - Gasperini ha fatto dell'uno contro uno a tutto campo il suo diktat, ma forse, rispetto al Milan, non dispone di un giocatore - Muriel, che non dovrebbe partire titolare, escluso - fulminante e clamorosamente forte offensivamente in questo fondamentale. Pioli, invece, sì e quel giocatore è davvero in gran forma. Si sta parlando, ovviamente, di Rafael Leao: il portoghese sta attraversando il miglior momento da quando è in rossonero, risultando decisivo sia con i goal (3 fino ad ora in tutte le competizioni) che con le proprie giocate a spalancare il campo ai compagni. Potrebbe essere ancora una volta lui, dunque, l'uomo in più di Pioli: Atalanta e Milan si assomigliano tanto nelle caratteristiche collettive e nei valori sulla carta. A Leao il compito di sparigliarle.