CorSera - Milan padrone del proprio destino, ma i piedi rimangono fermi per terra

28.04.2022 07:55 di Francesco Finulli   vedi letture
CorSera - Milan padrone del proprio destino, ma i piedi rimangono fermi per terra
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Che la partita tra Bologna e Inter, giocata più di 4 mesi dopo rispetto alla calendarizzazione originale, sarebbe stata un crocevia significativo nella volata finale di questo campionato, si sapeva. I rossoblù vincono per 2-1 in rimonta e consegnano al Milan il primo posto in classifica a quattro gare dal termine, facendo rimanere tutto aperto. Giusto essere contenti ma ancora più importante è rimanere calmi perché ancora nulla è deciso.

Piedi per terra

Come scrive questa mattina il Corriere della Sera, il Milan, con la sconfitta dei nerazzurri al Dall'Ara, torna a essere padrone del proprio destino. Mancano 4 partite al termine del campionato e i rossoneri sono primi in classifica, con due punti di vantaggio sull'Inter. Inevitabile e sacrosanto che al fischio finale di Bologna, soprattutto tra i tifosi, ci sia stata grande euforia ma quello che conta maggiormente è che Pioli e i suoi ragazzi rimangano concentrati e con i piedi per terra, come hanno saputo fare molte altre volte nel corso di questa stagione. Il Milan deve ripartire dalla consapevolezza che si è costruito con la vittoria di Roma all'ultimo respiro contro la Lazio, da quella voglia di non mollare mai fino all'ultimo secondo e risorgere dalle proprie ceneri. La spinta arriverà anche dai tifosi che domenica pomeriggio riempiranno San Siro in ogni angolo per sostenere i rossoneri contro la Fiorentina.

Mese caldo

Quello che ormai si è capito è che questo campionato non vuole finire mai, non vuole mai dare lo strappo decisivo. Dopo la partita di ieri sera, per l'ennesima volta, si sono rimescolate le carte sul tavolo. Anche per questo il Milan rimane in guardia e deve pensare solo a se stesso in questa volata conclusiva. Un finale di stagione che tra campo e uffici si prevede caldissimo. Le ultime 4 partite vedranno i rossoneri impegnati contro avversari ostici e storicamente pericolosi come Fiorentina, Verona, Atalanta e Sassuolo. Fuori dal campo, invece, si va verso il signing tra Investcorp ed Elliott entro l'inizio di settimana prossima: il primo passo verso il closing che potrebbe arrivare, invece, a fine stagione. Ma, per il momento, testa, cuore e piedi rimangono ben fissi in campo.