ESCLUSIVA MN - Serena: "Rebic farà bene. Bennacer? Grande personalità"

03.09.2019 17:03 di Thomas Rolfi Twitter:    Vedi letture
ESCLUSIVA MN - Serena: "Rebic farà bene. Bennacer? Grande personalità"

Terminato il calciomercato e con la pausa per le nazionali in corso, è tempo di bilanci per il nuovo Milan costruito da Boban, Maldini e Massara. La redazione di MilanNews.it ha contattato Aldo Serena. Con l'ex attaccante rossonero abbiamo parlato della campagna di trasferimenti del Diavolo, delle prime due partite giocate in campionato dalla squadra di Giampaolo e di alcuni singoli come Rebic, Piatek e Bennacer.

Che giudizio complessivo dà del mercato del Milan?
"Visti i presupposti, penso che abbiano cercato di fare il massimo sia Boban che Maldini. Non avendo la possibilità di spendere come altri club, hanno cercato di trovare dei ragazzi interessanti e di prospettiva e che avessero qualità".

Boban ha detto che, se ci fosse stata la possibilità, sarebbe stato meglio acquistare qualche giocatore di maggiore esperienza. E' d'accordo?
"Una squadra composta esclusivamente di giovani è un rischio anche troppo grosso, forse. L'idea di andare a prendere Taison, un giocatore con esperienza che ha giocato la Champions da tanti anni, poteva essere un'idea giusta. Avrebbe potuto fungere da collante in mezzo. Sicuramente quando crei una sola squadra di giovani c'è sempre bisogno di 2-3 riferimenti, giocatori che abbiano esperienza e forza morale per superare determinati momenti in campo. Un giovane, invece, può trovarsi spiazzato di fronte a certe difficoltà".

Sul fotofinish il Milan ha scambiato Andrè Silva con Rebic. Il croato può essere l'attaccante giusto per dare peso al reparto avanzato dei rossoneri?
"Ho avuto, penso come tutti, un enorme sorpresa nel vedere Andrè Silva al posto di Piatek contro il Brescia. Rebic io l'ho seguito anche con la propria nazionale al Mondiale dell'anno scorso, è un attaccante completamente diverso dal portoghese. E' una punta fisica, che ha corsa e sprint. Non ha la tecnica di Andrè Silva ed è forse più compassato. Rebic è più connesso al resto della squadra, mentre Andrè Silva sembra più distaccato quando è in campo. Sotto il profilo fisico Rebic ha una dinamicità forte e nel campionato italiano è un aspetto che credo possa contare. Ha tutte le possibilità per fare bene. Faccio pubblica ammenda su Andrè Silva, pensavo che avesse tutto per sfondare quando è stato acquistato. Invece, probabilmente, gli manca il pathos, cosa che invece a Rebic non manca".

In che ruolo si aspetta di veder giocare Rebic?
"Lo vedrei bene come punta affiancato a Piatek, non come trequartista. Anche se c'è da dire che il lavoro che fa Giampaolo nella fase di non possesso, è un lavoro dispendioso per le punte e, soprattutto, il trequartista deve uscire alto a pressare il portatore di palla della squadra avversaria. I meccanismi devono essere perfetti, anche i movimenti dei tre centrocampisti devono essere sincronizzati. Nell'idea di Giampaolo, chi gioca dietro le punte dev'essere un giocatore disposto al sacrificio nella fase di non possesso, che però poi deve essere un attaccante aggiunto nella fase ".

L'astinenza dal gol di Piatek deve preoccupare Giampaolo?
"Il morale per un attaccante è fondamentale. Quando è arrivato al Milan sembrava non aver avvertito la differenza rispetto al Genoa, ha continuato a segnare come nulla fosse, realizzando reti anche difficili e bellissimi. Adesso, con il cambio dell'allenatore e della preparazione atletica, gli va dato un minimo di tempo. Son convinto che, come la squadra migliorerà l'intesa e la condizione atletica, tornerà a segnare. Contro il Brescia è stato anche sfortunato. L'attaccante sa che ci son momenti così, deve superarli, cercando di stare tranquillo".

Contro il Brescia abbiamo visto per la prima volta Bennacer: le piace il nuovo regista del Milan?
"Innanzitutto il Milan in queste due prime giornate mi ha dato un'impressione che sintetizzerei con il titolo 'lavori in corso'. Ho visto una squadra ancora imballata sotto l'aspetto fisico e che non ha assimilato per bene i concetti di Giampaolo. Detto questo, andando su Bennacer, il giovane centrocampista del Milan ha dimostrato grande personalità, può essere veramente un acquisto importante per i rossoneri".