LIVE MN - Tatarusanu: "La società vuole fare cose importanti, sono fiducioso"

15.09.2020 13:24 di Manuel Del Vecchio Twitter:    Vedi letture
LIVE MN - Tatarusanu: "La società vuole fare cose importanti, sono fiducioso"

Tra pochi minuti Ciprian Tatarusanu sarà presentato dalla sala conferenze di Milanello. L'esperto portiere rumeno, arrivato dal Lione, risponderà alla domande dei giornalisti presenti. Segui la diretta testuale con MilanNews.it, dal nostro sito e dalla nostra app.

Senti la fiducia nei tuoi confronti? "Certo, vedo che la società vuole fare cose importanti. Sono riusciti a fare operazioni importanti in questo periodo di mercato, sono fiducioso".

Sulla Steaua: "Ero un tifoso della Steaua come mio padre, sono cresciuto con le loro imprese in Europa. Hanno avuto una grande squadra e tutti i bambini sognavano di arrivare alla Steaua e vincere il campionato, io sono stato fortunato a far avverare questo sogno".

Sull'Italia: "Ho fatto la mia prima amichevole con la Nazionale contro l'Italia, mi sono ricordato che la mia prima partita è stata lì in Austria. Tanti giocatori rumeni hanno giocato in Italia, per noi rumeni è più facile emergere qui".

Essere al Milan in chiave Nazionale: "Per me la Nazionale è molto importante, ho giocato tanto e voglio fare ancora bene. Abbiamo il playoff contro l'Islanda, qua devo impegnarmi al massimo per farmi trovare pronto quando il mister mi mette in squadra".

Sul ritorno dei tifosi negli stadi: "Non è facile giocare senza tifosi, in Francia già ci sono tifosi allo stadio. Sono 5mila e anche se non sono tanti è un'altra sensazione, è già un pochino meglio. Spero che anche in Italia riapriranno gli stadi".

Quando hai sentito la parola Milan cosa hai provato? "Sono stato felice, quando una squadra così importante nella storia del calcio ti cerca, che ha avuto tanti giocatori forti, ho preso subito in considerazione di venire qua".

Sul ruolo del secondo portiere: "Solo al Lione sono stato secondo, non è facile. Ti devi allenare al 100% sapendo che la domenica non sarai in campo. Però a me piacciono le sfide, darò sempre tutto e spero di aiutare la squadra quando avrò l'occasione".

Il rigore sbagliato da Ilicic in Fiorentina-Milan. Donnarumma influenza chi tira i rigori? "Mi ricordo quella partita, è finita 0-0. Gigio è molto bravo sui rigori, è alto e spinge bene. Per chi tira è molto difficile fare gol, devono tirare molto bene. Anche io sono uno che para tanti rigori. Siamo molto alti, per questo forse i calciatori perdono la lucidità".

Su Pioli: "Ho lavorato poco con lui a Firenze, ma quando sono arrivato qua subito mi ha fatto vedere cosa vuole dal portiere. A Firenze con lui sono stato poco in ritiro con lui".

Chiudere la carriera al Milan: "Perché no? È una grande squadra, tanti calciatori sognano questo".

Su cosa porta nello spogliatoio: "Sono un calciatore nuovo, devo ancora instaurare un rapporto con i compagni".

Su Donnarumma: "È giovane solo per l'età. Io come portiere posso rubare da ognuno qualcosa. È un mestiere in cui si impara ma anche in cui si ruba (ride, ndr)".

C'è qualche giovane che ti ha colpito? "Ho fatto solo un allenamento, è difficile da dire".

Cosa ti piace del campionato italiano? Qual è il tuo ricordo più bello? "C'è molta esigenza, si chiede tanto e si punta su ogni dettagli. Mi piace, anche se all'inizio non è facile. Il campionato francese è molto diverso da quello italiano ma farò di tutto per riadattarmi alla richieste del mister".

Termina qui la conferenza stampa di Ciprian Tatarusanu.