Oggi ultima stagionale per Calabria con l'Italia. Poi diventerà il capitano del Milan

14.06.2022 14:00 di Antonio Tiziano Palmieri   vedi letture
Oggi ultima stagionale per Calabria con l'Italia. Poi diventerà il capitano del Milan
MilanNews.it
© foto di DANIELE MASCOLO

Oggi termina ufficialmente la stagione 2021/2022 per l’Italia e per i calciatori italiani che stanno tentando – non senza difficoltà – di rilanciare la Nazionale allenata da Roberto Mancini. Infatti questa sera, al Borussia-Park di Mönchengladbach, si sfideranno la Germania di Hans Flick e appunto l’Italia. La gara è valida per la quarta giornata di Nations League. Fra i protagonisti del match ci sarà il milanista Davide Calabria dato che viene accreditato di una maglia da titolare. Con la partita di stasera, il classe ’96 arriverà a toccare quota 38 presenze stagionali, di cui 33 con il Milan e 5 con l’Italia. Dopodiché Calabria osserverà un periodo di vacanza prima di unirsi al ritiro del Diavolo (che partirà lunedì 4 luglio).

CALABRIA ASPETTA LA FASCIA DA CAPITANO

Con l’addio ormai scontato di Alessio Romagnoli, il nuovo capitano ufficiale del Milan sarà Calabria. Cresciuto nelle giovanili del Diavolo, Calabria ha già indossato diverse volte la fascia dato che da un paio di stagioni è il vice capitano della squadra allenata da Stefano Pioli. Il terzino bresciano ha già giocato in tutta la sua carriera 184 partite con squadre di club (tutte con il Milan), mettendo a segno anche 7 reti. Una fascia ‘fatta in casa’ scrive oggi la Gazzetta dello Sport. Sì perché Calabria è cresciuto nel settore giovanile della società di via Aldo Rossi in cui è entrato da bambino, facendo tutta la trafila delle squadre minori. Arrivato in prima squadra si è conquistato con impegno e perseveranza la titolarità della fascia destra, il tutto attraversando diversi periodi bui sotto il punto di vista delle prestazioni personali e dei risultati di squadra. Più volte vicino alla cessione, Calabria non ha mai mollato fino a raggiungere i gradi di capitano. La parabola ascendente di Calabria può essere paragonata a quella del Milan. Ora raggiunta la vetta con lo scudetto vinto, bisogna guardare il futuro. La seconda stella è vicina e bisogna conquistarla prima dell’Inter. Per quanto riguarda la Champions League invece, va giocata con più convinzione cercando di superare quantomeno il girone iniziale.